Tarsu/Tari: la destinazione al culto di un edificio, di per sé, non giustifica l’esenzione dalla Tassa

Tarsu/Tari: la destinazione al culto di un edificio, di per sé, non giustifica l’esenzione dalla Tassa

Con la Sentenza n. 8087 del 23 aprile 2020, la Corte di Cassazione ha chiarito che le norme regolamentari che escludono gli edifici di culto dal calcolo delle superfici per la determinazione della Tarsu, lo possono fare solo se tali superfici sono ritenute incapaci di produrre rifiuti, per loro natura e caratteristiche e per il particolare uso cui sono adibiti, e non in quanto la destinazione al culto, in assenza di specifica previsione normativa, possa di per sé giustificare l’esenzione dalla Tassa.

Il caso

Nel caso di specie, la Commissione tributaria regionale aveva accolto l’appello proposto da un Monastero avverso

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Programmazione e controllo spese di funzionamento e del personale nelle Società a controllo pubblico

Un approccio economico-aziendale alla luce dell’art. 19 del “Tusp”   Il “Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica”

E-fatture: slittano di nuovo i termini per l’avvio della consultazione e dell’acquisizione nell’Area web dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 30 maggio 2019, modificando alcuni contenuti del Provvedimento 30 aprile 2018 , attuativo delle

Aggiudicazione provvisoria: può essere legittimamente revocata per mancanza dei fondi, senza obblighi risarcitori verso il privato

Nella Sentenza n. 14 del 3 gennaio 2018 del Tar Lazio, l’aggiudicataria provvisoria di una gara ha impugnato la determinazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.