Tassa di concessione governativa servizi telefonici: termine per il pagamento da parte dell’utente

Tassa di concessione governativa servizi telefonici: termine per il pagamento da parte dell’utente

Nella Sentenza n. 1713 del 29 gennaio 2016 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione di un avviso d’accertamento per violazione ed irrogazione di sanzioni, per il tardivo versamento della Tassa di concessione governativa in materia di servizi telefonici cellulari e radiomobili, di cui all’art. 21 della Tariffa allegata al Dpr. n. 641/72.

La Società contribuente deduceva l’inesistenza di un termine per il pagamento della Tassa da parte dell’utente e comunque la decadenza dell’Ufficio dal potere impositivo. La Suprema Corte afferma che, in tema di radiofonia mobile, il termine per il pagamento, da parte dell’utente, della Tassa di concessione governativa coincide con quello pattuito per il pagamento del Canone contrattuale, in virtù del collegamento operato dalla “Nota 1” all’art 21 della Tariffa allegata al Dpr. n. 641/72 tra il Tributo ed il numero di mesi considerati in ciascuna bolletta, atteso che l’avverbio “congiuntamente”, utilizzato in tale Nota, non si riferisce solo alle modalità di versamento del Tributo, ma anche al termine di pagamento, determinato per relationem in rapporto a quello previsto per le singole bollette emesse dal gestore. Pertanto, non essendovi contestazione sul fatto che il pagamento della bolletta sia stato effettuato oltre il termine di scadenza, il ricorso deve essere accolto.


Related Articles

Diritto di accesso alle schede di valutazione dei Dirigenti: ammesso per la tutela in giudizio

Il Tar Abruzzo, Sezione Prima, con la Sentenza n. 288 del 16 aprile 2015, afferma che deve essere ammesso l’accesso

Cassazione: la firma illeggibile non comporta di per sé l’illegittimità della notifica postale

Nella Sentenza n. 4895 del 3 marzo 2014, della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno statuito che nel

Ici: impianto industriale di produzione di combustibile da rifiuto

Nella Sentenza n. 10485 del 20 maggio 2016 della Corte di Cassazione, è stato accolto il ricorso avverso l’avviso di accertamento