“Testo unico Ambiente”: scattano aspre sanzioni e pene esemplari per i reati e i delitti ambientali

“Testo unico Ambiente”: scattano aspre sanzioni e pene esemplari per i reati e i delitti ambientali

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 122 del 28 maggio 2015, la Legge 22 maggio 2015, n. 68, recante “Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente”.

La Legge n. 68/15 ha introdotto nel Codice penale i delitti contro l’ambiente. L’art. 1 ha modificato il Titolo VI del Libro secondo del Cp., integrandolo del Titolo VI-bis rubricato “Dei delitti contro l’ambiente”, e introducendo alcune nuove importanti disposizioni.

L’art. 452-bis dispone che l’inquinamento ambientale potrà essere punito con la reclusione da 2 a 6 anni e con la multa da Euro 10.000 a Euro 100.000. Tale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Nuovo “Codice degli appalti”: dietrofront Anac-Mit, si applica ai bandi pubblicati a partire dal 20 aprile 2016

Le disposizioni introdotte dal nuovo “Codice degli Appalti” di cui al Dlgs. n. 50/16 riguardano i bandi e gli avvisi

Iva: chiarimenti sull’aliquota applicabile ad interventi di vario tipo operati sulla Pubblica Illuminazione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 144 del 3 marzo 2020, ha fornito chiarimenti in ordine all’aliquota Iva applicabile

Versamento contributi all’Inps da parte delle P.A.: sospensione del termine di prescrizione

L’Inps, con la Circolare n. 122 del 6 settembre 2019, ha fornito alle Amministrazioni iscritte alle Casse pensionistiche della gestione