Tia: aree di lavorazione in cui sono prodotti rifiuti speciali non assimilabili a quelli urbani

Tia: aree di lavorazione in cui sono prodotti rifiuti speciali non assimilabili a quelli urbani

Nella Sentenza n. 10469 del 20 maggio 2016, la Corte di Cassazione statuisce che, in tema di Tarsu, con riguardo all’art. 62, comma 3, del Dlgs. n. 507/93 – secondo cui “nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte di essa ove per specifiche caratteristiche strutturali e per destinazione si formano, di regola, rifiuti speciali – soltanto all’impresa contribuente incombe l’onere di fornire all’Amministrazione comunale i dati relativi all’esistenza e alla delimitazione delle aree che producendo di regola rifiuti speciali non concorrono alla quantificazione della complessiva superficie imponibile.

Ora, la regola sopra espressa, secondo la

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tarsu: la determinazione delle aliquote delle tariffe è di competenza della Giunta

Nell’Ordinanza n. 938 del 16 gennaio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che, in tema di

Notifica del ricorso per Cassazione: si perfeziona con la consegna del relativo plico al destinatario e l’avviso di ricevimento

Nella Sentenza n. 21379 del 21 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che la notifica a mezzo

Fatture elettroniche: il luogo di “conservazione” può differire da quello di tenuta della contabilità Iva e dei registri fiscali

Con la Risoluzione n. 81/E del 25 settembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un interpello inerente la comunicazione