Trasferimenti erariali: rimborso della spesa sostenuta nel 2013 per il personale degli Enti Locali ex Fime

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con la Circolare n. 2/14 del 5 febbraio 2014, ha fornito indicazioni in merito al rimborso della spesa sostenuta nell’anno 2013 per il personale ex Fime.

Premessa

L’art. 1 della Legge n. 251/98 stabilisce che il personale dipendente dalle Società per azioni Fime, Fime leasing, Fime factoring e Fimat, a cui non siano state applicate le disposizioni dell’art. 14 del Dlgs. n. 96/93, può essere assunto in Amministrazioni statali anche ad ordinamento autonomo ed in altre Amministrazioni richiedenti o in Enti pubblici non economici nell’ambito dei posti risultanti vacanti a seguito della rideterminazione delle dotazioni organiche sulla base dei carichi di lavoro. Gli oneri derivanti dall’applicazione delle disposizioni della predetta Legge n. 251/98, sono posti a carico dello Stato, che provvede a rimborsare a favore degli Enti suindicati il costo sostenuto per il pagamento del personale assunto.

Al fine di definire l’onere a carico dello Stato per l’anno 2014, e la conseguente somma da rimborsare, è necessario acquisire dai citati Enti una certificazione dalla quale risulti la spesa sostenuta nell’anno 2013.

Adempimenti degli Enti Locali

Per la definizione e l’erogazione del contributo in oggetto, gli Enti richiedenti devono consegnare i certificati, debitamente compilati e sottoscritti, alle Prefetture-Utg competenti per territorio, entro il 31 marzo 2014. I Responsabili del Servizio assumono diretta e personale responsabilità, ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 25 del Dl. n. 66/89, convertito con modificazioni dalla Legge n. 144/89, sulla veridicità e l’esattezza dei dati riportati.

Adempimenti delle Prefetture-Utg

Le Prefetture-Utg dovranno raccogliere tutte le certificazioni trasmesse dagli Enti richiedenti ed effettuare un mero controllo formale, ovvero verificare che gli Enti stessi abbiano compilato in tutte le parti il certificato, apposto il timbro e firmato la certificazione. A tal riguardo, occorre richiamare l’attenzione di quegli Enti che hanno già trasmesso la certificazione di che trattasi direttamente alla Direzione centrale anziché tramite la Prefettura-Utg. Tale certificazione non sarà presa in considerazione, ma soltanto trattenuta agli atti, e gli Enti dovranno presentare nuovamente la certificazione attenendosi alle istruzioni della presente Circolare.

Come precisato con le Circolare Fl. n. 6/10, n. 2/11 e n. 4/13, la data del 20 maggio dell’anno successivo a quello per il quale si chiede il rimborso rappresenta il termine ultimo, pena la mancata erogazione del contributo in argomento, entro il quale le Prefetture-Utg dovranno trasmettere al Mininterno la certificazione in esame.

Eventuali chiarimenti potranno essere chiesti alla Dott.ssa Assunta Reina – tel. 06/46548156, assunta.reina@interno.it – oppure alla Sig.ra Daniela Secondini – tel 06/46548369, daniela.secondini@interno.it, fax 06/46549652.


Tags assigned to this article:
trasferimenti

Related Articles

“Zone franche urbane”: concesse agevolazioni per oltre 600 milioni di Euro a quasi 25.000 imprese

Un totale di 24.680 Imprese ha beneficiato di agevolazioni per oltre 605 milioni di Euro: è il bilancio dei primi

Appalto servizi: verifica requisiti partecipazione riguarda solo il Consorzio stabile e non le imprese consorziate indicate come esecutrici

Nella Sentenza n. 326 del 6 marzo 2017 del Tar Toscana, i Giudici rilevano che, a seguito della novella introdotta

Esenzione dei diritti di segreteria: riguarda i soli acquisti di beni e servizi conclusi con strumenti informatici

Nella Delibera n. 275 dell’11 settembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se la disapplicazione dal pagamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.