Tributi locali: Anci chiede che siano considerate valide le Delibere approvate tra il 1º agosto e il 30 settembre 2015

Tributi locali: Anci chiede che siano considerate valide le Delibere approvate tra il 1º agosto e il 30 settembre 2015

Il “Decreto Regioni” è in via di definizione e i Comuni cercano di far inserire alcune misure da tempo invocate e che non hanno trovato accoglimento, neanche nell’ambito della stesura del “Ddl. Stabilità”.

Con la Nota 5 novembre 2015, l’Anci chiede l’inserimento delle seguenti disposizioni:

  • rendere valide le Delibere Imu, Tasi, Tari e Addizionale comunale all’Irpef approvate tra il termine del 30 luglio e il 30 settembre 2015, posto che “moltissimi Comuni sono stati impossibilitati a determinare le aliquote a causa del ritardo nell’approvazione delle norme sul cosiddetto ‘Dl. Enti Locali’ e sul riparto del ‘Fondo di solidarietà comunale’”;
  • ulteriore verifica relativa al 2015 per determinare i mancati introiti derivanti dall’abolizione dell’Imu sui terreni agricoli, visto che le stime (e di conseguenza i rimborsi) del 2014 si erano discostate sensibilmente da quanto realmente incassato dai Comuni;
  • poter considerare a bilancio almeno il 70% delle spese sostenute nel 2015 per il mantenimento degli Uffici giudiziari e che devono ancora essere rimborsate, insieme alla regolazione delle anticipazioni di liquidità relative al “Fondo di solidarietà 2014”;
  • rinvio dal 1° novembre 2015 al 1° gennaio 2016 delle norme sulle Centrali uniche di committenza, per evitare il blocco degli appalti nella fase di incertezza normativa determinata dall’attesa del nuovo “Codice dei Contratti pubblici” e dell’approvazione delle norme della “Legge di stabilità” che modificano proprio le disposizioni relative alle Cuc;
  • esclusione dal computo degli obiettivi di Patto delle spese sostenute per la gestione degli Uffici giudiziari, il pagamento di debiti commerciali pregressi consentito grazie alle erogazioni di liquidità del “Decreto Enti Locali”, e le spese ‘‘per obbligazioni determinate da Sentenze passate in giudicato’’.

 


Related Articles

Obbligo di sopralluogo: modalità di svolgimento

  Nel Parere n. 153 del 23 settembre 2015, l’Anac chiarisce che rientra nella facoltà dell’Amministrazione definire nella lex specialis

Istruzione: depositata la Proposta di legge di iniziativa popolare per introdurre l’educazione alla cittadinanza nelle Scuole

Introduzione di un’ora alla settimana dedicata all’educazione alla cittadinanza, come disciplina autonoma con propria valutazione, nei piani di studio di

Stabilizzazione ex art. 20 del Dlgs. n. 75/2017: esclusi gli incarichi ex art. 110 Tuel e ai Professionisti titolari di P.Iva

Nella Delibera n. 51 del 1° aprile 2021 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto se sia possibile attivare la