Turn over: per il triennio 2016-2018 è ridotta la capacità assunzionale

Turn over: per il triennio 2016-2018 è ridotta la capacità assunzionale

L’art. 16, comma 9, del “Ddl. Stabilità 2016” prevede che le Regioni e gli Enti Locali sottoposti al Patto di stabilità interno possono procedere, per gli anni 2016, 2017 e 2018, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato di qualifica non dirigenziale nel limite di un contingente di personale corrispondente, per ciascuno dei predetti anni, ad una spesa pari al 25% di quella relativa al medesimo personale cessato nell’anno precedente.
Viene dunque notevolmente ridotta la percentuale di turn over destinabile a nuove assunzioni rispetto a quanto previsto dall’art. 3, comma 5, Dl. n. 90/14, convertito con Legge n. 114/14, in base al quale la facoltà di assumere era fissata nella misura:
– dell’80% della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno precedente nel 2016 e 2017;
– del 100% della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno precedente a decorrere dal 2018.
Tali percentuali restano ferme al solo fine di definire il processo di mobilità del personale degli Enti di Area vasta destinato a funzioni non fondamentali.
Viene infine prevista, per gli anni 2017 e 2018, la disapplicazione dell’art. 3, comma 5-quater, Dl. n. 90/14 convertito con Legge n. 114/14, in base al quale, nel caso in cui l’incidenza della spesa di personale sulla spesa corrente sia pari o inferiore al 25%, l’Ente può procedere ad assunzioni a tempo indeterminato nel limite del 100% della spesa relativa al personale di ruolo cessato dal servizio nell’anno precedente a decorrere dall’anno 2015. Resta salvo dunque il solo anno 2016, il quale tuttavia deve essere dedicato alla ricollocazione del personale di Area vasta.


Related Articles

Fatture elettroniche: il luogo di “conservazione” può differire da quello di tenuta della contabilità Iva e dei registri fiscali

Con la Risoluzione n. 81/E del 25 settembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un interpello inerente la comunicazione

Società pubbliche: arriva la quinta rettifica agli Elenchi di quelle soggette allo “split payment”

  Dopo la quarta rettifica del 4 agosto 2017, arriva anche la quinta. Con il Comunicato 14 settembre 2017, il

Iva: una Impresa fornitrice ha diritto di rivalersi sul Comune della maggior Iva accertata dall’Erario e versata?

Il testo del quesito: “Una Srl ha inviato al Comune una comunicazione per notificare la rivalsa ‘ora per allora’. La