“Urbact III”: aperta la call per presentare proposte per la creazione di fino ad un massimo di 25 reti di trasferimento per il periodo 2014-2020

“Urbact III”: aperta la call per presentare proposte per la creazione di fino ad un massimo di 25 reti di trasferimento per il periodo 2014-2020

A seguito della decisione del Comitato di Controllo “Urbact III”, è aperta la Call per presentare proposte per la creazione di fino ad un massimo di 25 reti di trasferimento per il periodo 2014-2020.

Urbact” è il Programma europeo che promuove lo sviluppo urbano sostenibile mediante lo scambio di esperienze e la diffusione delle conoscenze tra Città europee. Finanzia le attività di rete, di “capacity building” e di capitalizzazione delle buone pratiche, fornendo un supporto importante ai “policy makers” e agli altri attori urbani a livello europeo, nazionale, regionale e locale.

La nuova call Transfer Networks è finalizzata a trasferire e adattare in nuove Città europee buone pratiche già consolidate e di maggior interesse. L’elenco delle 97 buone pratiche selezionate è disponibile su http://urbact.eu/good-practices/home. Le domande devono essere presentate da un partenariato composto da almeno 3 Città. La scadenza per l’invio delle proposte è fissata al 10 gennaio 2018.

I Transfer Network fanno parte dalle 3 reti sviluppate nel quadro del “Urbact III”, insieme agli “Action Planning Network e gli Implementation Network”.

Le reti di trasferimento sono centrate sull’adattamento e il trasferimento delle buone pratiche consolidate delle Città dell’Unione Europea. Queste reti avranno come capofila le Città premiate da “Urbact” per le loro buone pratiche (http://urbact.eu/good-practices/home).

La Rete di trasferimento “Urbact” è uno strumento di scambio e apprendimento per le Città. Il target delle reti puntano verso Città che:

  1. sono interessate a trasferire una delle 97 buone pratiche premiate “Urbact”:

– per affrontare una sfida o una politica specifica attraverso una soluzione integrata e sostenibile

– per adattare e riutilizzare una pratica collaudata ed efficace nel proprio contesto urbano

  1. hanno ottenuto l’etichetta di buone praticheUrbact

– per condurre e monitorare il processo di comprensione, adeguamento e riutilizzo della loro buona pratica;

– per perfezionare e migliorare la propria metodologia attraverso le valutazioni paritari e con il supporto di esperti “Urbact”.

Per avere tutte le informazioni su come presentare le proposte e su come applicare, consultare la pagina della call (http://urbact.eu/open-calls-networks) e tutta la documentazione correlata.


Related Articles

Società partecipate: i chiarimenti della Corte Marche sulla determinazione dei compensi agli Amministratori

Nella Delibera n. 137 del 28 maggio 2015, della Corte di conti Marche, la Sezione è chiamata a pronunciarsi sulla

Ici: la Cassazione interviene sulla qualificazione di area edificabile di un terreno inserito in uno strumento di pianificazione generale

Nella Sentenza n. 18008 del 14 settembre 2016 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione, da parte del contribuente,

Bilanci preventivi e consuntivi: pubblicati i nuovi schemi e le modalità per la pubblicazione dei dati su internet

Con il Decreto 29 aprile 2016, il Ministero per la Semplificazione e la P.A., di concerto con il Ministero dell’Economia