“Vending machine”: i nuovi adempimenti in vigore dal 1° settembre 2017

“Vending machine”: i nuovi adempimenti in vigore dal 1° settembre 2017

Dal 1° settembre 2017 i soggetti passivi Iva che utilizzano “vending machine” per la vendita di prodotti, devono provvedere al loro censimento secondo le regole tecniche definite dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 61936 del 30 marzo 2017.

La misura si inserisce in un quadro più complesso di norme indicate dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) che intende rivedere il ruolo dell’Agenzia dell’Entrate, da mero “controllore” a “conoscitore” dei dati utili a supportare i soggetti passivi nella Dichiarazione dei redditi, monitorare il gettito Iva, nonché valutare la capacità contributiva degli stessi.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Casellario informatico Anac: nuovi chiarimenti sulle fattispecie che possono dar luogo ad esclusione dalle gare

Facendo seguito a quanto precedentemente stabilito attraverso il proprio Comunicato 21 dicembre 2016, pubblicato sulla G.U. n. 26 del 1°

Protezione civile: disposte semplificazioni per la pubblicazione dei bandi di gara e deroghe al “Regolamento di Polizia mortuaria”

Con l’Ordinanza n. 655 del 25 marzo 2020, il Capo del Dipartimento della Protezione civile ha disposto ulteriori misure in

Imposte dirette: la consueta “Guida” delle Entrate con i chiarimenti su deduzioni, detrazioni, crediti d’imposta e visto di conformità

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 19/E dell’8 luglio 2020 ha reso nota la consueta “Guida alla Dichiarazione dei