Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Nella Sentenza n. 8374 del 24 aprile 2015, la Corte di Cassazione afferma che la notificazione dell’atto amministrativo d’imposizione tributaria costituisce una condizione integrativa dell’efficacia della decisione assunta dall’Ufficio finanziario, ma non è un requisito di giuridica esistenza e perfezionamento dell’atto. Ne consegue che l’inesistenza della notificazione non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto, quando ne risulti inequivocamente la piena conoscenza da parte del contribuente entro il termine di decadenza concesso all’Ufficio per adottare e notificare il provvedimento amministrativo tributario, nel qual caso grava sull’Ufficio stesso l’onere di provare la piena conoscenza dell’atto da parte del contribuente e la sua

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Atto di organizzazione delle aree e degli uffici dell’Anac in attuazione della Delibera n. 143/14

E’ stato adottato – e pubblicato in data 30 ottobre 2014 – l’atto di organizzazione delle aree e degli uffici

Tari: pubblicate dal Mef le “Linee guida interpretative” sull’utilizzo dei fabbisogni standard in base alle disposizioni di Arera

Sono state pubblicate sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento Finanze le “Linee guida interpretative per l’applicazione del comma 653 dell’art.

“Zone franche urbane”: concesse agevolazioni per oltre 600 milioni di Euro a quasi 25.000 imprese

Un totale di 24.680 Imprese ha beneficiato di agevolazioni per oltre 605 milioni di Euro: è il bilancio dei primi