Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Nella Sentenza n. 8374 del 24 aprile 2015, la Corte di Cassazione afferma che la notificazione dell’atto amministrativo d’imposizione tributaria costituisce una condizione integrativa dell’efficacia della decisione assunta dall’Ufficio finanziario, ma non è un requisito di giuridica esistenza e perfezionamento dell’atto. Ne consegue che l’inesistenza della notificazione non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto, quando ne risulti inequivocamente la piena conoscenza da parte del contribuente entro il termine di decadenza concesso all’Ufficio per adottare e notificare il provvedimento amministrativo tributario, nel qual caso grava sull’Ufficio stesso l’onere di provare la piena conoscenza dell’atto da parte del contribuente e la sua

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Applicabilità dell’Iva sulla Tia: nuova Pronuncia della Cassazione

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 15390 del 6 giugno 2019 La cosiddetta “Tia 2” ha natura privatistica, ed è pertanto

Dipendente comunale che svolge lavoro subordinato a vantaggio di terzi: in caso di mancata autorizzazione, c’è danno erariale

Nella Sentenza n. 492 del 26 settembre 2018 della Corte dei conti Lazio, la Sezione afferma che senza la preventiva

Mobilità in uscita di dipendente appartenente a “categorie protette”: nuova assunzione deve garantire rispetto quota d’obbligo

Nella Delibera n. 131 del 28 settembre 2018 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto un parere sulla