Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Nella Sentenza n. 8374 del 24 aprile 2015, la Corte di Cassazione afferma che la notificazione dell’atto amministrativo d’imposizione tributaria costituisce una condizione integrativa dell’efficacia della decisione assunta dall’Ufficio finanziario, ma non è un requisito di giuridica esistenza e perfezionamento dell’atto. Ne consegue che l’inesistenza della notificazione non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto, quando ne risulti inequivocamente la piena conoscenza da parte del contribuente entro il termine di decadenza concesso all’Ufficio per adottare e notificare il provvedimento amministrativo tributario, nel qual caso grava sull’Ufficio stesso l’onere di provare la piena conoscenza dell’atto da parte del contribuente e la sua

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Semplificazione amministrativa: le comunicazioni relative ai decessi devono essere inviate dai Comuni al Casellario tramite Pec

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 72 del 27 marzo 2014 il Decreto Ministero della Giustizia 19 marzo 2014,

Revisori Enti Locali: sull’Elenco 2019 interviene il sesto Decreto di modifica

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale della Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, il Dm. 28 maggio 2019,

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a aprile 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 121 del 27 maggio 2015 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di