Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Vizio nella notificazione: non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto

Nella Sentenza n. 8374 del 24 aprile 2015, la Corte di Cassazione afferma che la notificazione dell’atto amministrativo d’imposizione tributaria costituisce una condizione integrativa dell’efficacia della decisione assunta dall’Ufficio finanziario, ma non è un requisito di giuridica esistenza e perfezionamento dell’atto. Ne consegue che l’inesistenza della notificazione non determina in via automatica l’inesistenza dell’atto, quando ne risulti inequivocamente la piena conoscenza da parte del contribuente entro il termine di decadenza concesso all’Ufficio per adottare e notificare il provvedimento amministrativo tributario, nel qual caso grava sull’Ufficio stesso l’onere di provare la piena conoscenza dell’atto da parte del contribuente e la sua

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: la Cassazione ribadisce che è onere del contribuente impugnare l’atto di classamento ove un fabbricato rurale non risultasse tale

Nell’Ordinanza n. 17823 del 19 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano, in tema di Ici,

Personale Enti Locali: disponibili i dati del Censimento dell’Interno

A cura annuale del Ministero dell’Interno è on-line su incomune.interno.it il report relativo al Censimento generale del personale in servizio presso

Mobilità: l’art. 1, comma 49, della Legge n. 311/04 non è applicabile retroattivamente a chi aveva già completato la procedura

Nella Sentenza n. 19101 del 1° agosto 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’interpretazione dell’art. 1, commi