“Welfare”: al via intesa Governo-Comuni-Terzo Settore per impegnare chi beneficia di sostegno al reddito in attività socialmente utili

“Welfare”: al via intesa Governo-Comuni-Terzo Settore per impegnare chi beneficia di sostegno al reddito in attività socialmente utili

Con il Comunicato-stampa 28 gennaio 2015, l’Anci ha illustrato il nuovo accordo tra Ministero del Lavoro, Comuni e “Terzo Settore” finalizzato alla diffusione e attuazione di iniziative sperimentali con cui coinvolgere le persone che beneficiano di strumenti di sostegno al reddito in attività di volontariato a fini di utilità sociale a favore dei Comuni.

Questo sarà reso possibile da una serie di progetti realizzati da Organizzazioni del “Terzo Settore” e Comuni, i quale ne dovranno anche certificare lo svolgimento.

L’obiettivo è quello di creare un’opportunità di “utilizzo” lavorativo sociale per 5 milioni di giornate lavorative annue, equivalenti a circa 19.000 soggetti per un intero anno. L’accordo è stato ufficializzato per mezzo di un Protocollo di intesa firmato il 28 gennaio scorso dal Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il Presidente dell’Anci, Piero Fassino, e il Portavoce del Forum del “Terzo Settore”, Pietro Barbieri.

L’accordo dà attuazione alla novità introdotta dal Dl. n. 90/14 che, attraverso le risorse del “Fondo nazionale per il Volontariato”, garantisce le copertura previdenziale ed assicurativa alle persone inserite nei progetti attivati dal “Terzo Settore”, e che potranno partire dal prossimo 1º febbraio 2015.

Questa iniziativa ha innanzitutto un alto valore morale, perché consente a chi fruisce di sostegno al reddito di restituire qualcosa alla propria comunità, mettendo a sua disposizione tempo, competenza e professionalità – ha sottolineato Fassino – ma anche un valore concreto, visto che andranno a favorire l’inclusione di soggetti a rischio di scivolamento nella marginalità sociale e lavorativa, offrendo loro l’opportunità di rimanere attivi e di cogliere possibili occasioni di futuri sbocchi lavorativi”.

Il titolare del Dicastero del Lavoro, Giuliano Poletti, ha sottolineato che il Governo è convinto della necessità di legare gli interventi di tipo sociale ad alcune condizionalità. “Al cittadino che riceve un sostegno economico – ha spiegato – chiediamo una partecipazione responsabile alla vita della sua comunità. Tutto questo amplia la sua rete di conoscenze e le sue stesse opportunità di reinserimento lavorativo, visto che la maggior parte delle offerte di occupazione capita sul piano relazionale”.


Related Articles

Tributi locali: semplificazioni della procedura di “Certificazione rimborsi al cittadino”

Sul sito del “Portale del Federalismo fiscale”, in data 1° dicembre 2016, il Mef comunica che, in merito alle procedure

La giurisdizione dei danni cagionati ad una Società divenuta “in house” può essere di competenza del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 5848 del 24 marzo 2015, la Corte di Cassazione si esprime sulla sussistenza della giurisdizione del Giudice

“Nuovi minimi”: pubblicata una Circolare con i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sul nuovo regime forfettario

Con la Circolare n. 10/E del 4 aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito specifiche tecniche circa l’applicazione del nuovo