Accertamenti integrativi che riducono la pretesa impositiva

Accertamenti integrativi che riducono la pretesa impositiva

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 22019 del 17 ottobre 2014, ha chiarito che l’avviso di accertamento Iva può essere integrato o modificato in aumento mediante la notificazione di nuovi avvisi in base alla sopravvenuta conoscenza di nuovi elementi, entro il termine di decadenza previsto dalla norma. In questo caso, l’Ufficio deve addurre, a pena di nullità, le motivazioni ed i nuovi elementi o atti che hanno condotto all’adeguamento della pretesa impositiva. Viceversa, l’integrazione o la modificazione in diminuzione di quanto richiesto dall’Amministrazione finanziaria non necessita di particolari forme o motivazioni. I Giudici hanno infine disposto che l’Amministrazione non è vincolata a dover procedere alla riduzione della propria pretesa necessariamente e unicamente in sede giurisdizionale.


Tags assigned to this article:
accertamenticassazionepretesa impositiva

Related Articles

Tributi locali: le novità contenute nel testo del “Ddl. Stabilità 2016”

Tra le disposizioni del Disegno di legge per la “Manovra finanziaria 2016”, licenziato dal Senato il 20 novembre scorso, ci

Avviso di accertamento: deve indicare presupposti di fatto e ragioni giuridiche che lo giustificano

Nella Sentenza n. 954 del 20 gennaio 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di Imposte sui redditi,

Delega fiscale: in G.U. i Decreti attuativi che riformano riscossione, contenzioso, sistema sanzionatorio e lotta all’evasione

Sono stati pubblicati sul Supplemento ordinario n. 55 della G.U. n. 233 del 7 ottobre 2015 i 5 Decreti legislativi