Affidamento “in house” pluripartecipato: il Consiglio di Stato interviene sulle condizioni che lo legittimano

Affidamento “in house” pluripartecipato: il Consiglio di Stato interviene sulle condizioni che lo legittimano

Nella Sentenza 27 aprile 2015, n. 2154 del Consiglio di Stato, Sezione III, vengono trattate 2 fattispecie di particolare importanza che rilevano ai fini del ricorso da parte delle P.A. (Enti Locali inclusi) all’istituto dell’affidamento “in-house providing” per la gestione di Servizi pubblici locali e di servizi strumentali; ammesso e non concesso che per questi ultimi servizi tale istituto possa essere ancora utilizzato (Cfr. Sentenza del 7 maggio 2015, n. 2291, del Consiglio di Stato, Sezione III, che avremo modo approfondire nei prossimi numeri della presente Rivista).

In particolare, nella citata Sentenza il Consiglio chiarisce che le condizioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Legge di bilancio 2018”: le disposizioni in materia di appalti

La “Legge di bilancio 2018” (Legge 27 dicembre 2017, n. 205), prevede disposizioni di legge in materia di appalti che

Bilancio di previsione 2015: via libera della Conferenza Stato-Città-Autonomie locali alla proroga al 30 settembre per Province e Città metropolitane

  La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 16 luglio 2015, ha espresso parere favorevole

Le assunzioni effettuate dalla Società controllata non incidono sulle capacità assunzionali dell’Ente controllante

Nella Delibera n. 302 del 25 ottobre 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto se un’eventuale assunzione