Concessione “ad aedificandum” su un’area demaniale: può dare luogo ad un diritto di natura sia reale che personale

Concessione “ad aedificandum” su un’area demaniale: può dare luogo ad un diritto di natura sia reale che personale

Nella Sentenza n. 12798 del 21 giugno 2016, la Corte di Cassazione afferma che, ai fini della soggezione all’Ici, nel caso di assegnazione di un’area demaniale per la costruzione di un opificio industriale, il provvedimento amministrativo di concessione “ad aedificandum” su un area demaniale può in astratto dare luogo, sia ad un diritto di natura reale, riconducibile alla proprietà superficiaria, sia ad un diritto di natura personale, che può essere fatto valere nei confronti del solo concedente, gravando sulla parte che invocasse tale seconda configurazione giuridica l’onere di dedurre chiari indici rilevatori, tra i quali rilievo decisivo deve

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Spending review”: le istruzioni dell’Agenzia del Demanio per ottenere il “nulla-osta” al rinnovo dei contratti di locazione della P.A.

Con la Circolare Prot. 2014/16155 dell’11 giugno 2014, il Ministero dell’Economia – Agenzia del Demanio, è intervenuto sul tema del

Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Il testo del quesito: “Il Concessionario dell’attività di accertamento tributi per conto del Comune ha emesso 2 avvisi di accertamento

Riscossione: “no” all’Imposta di bollo sull’Istanza di sospensione del fermo amministrativo

È stato pubblicato sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate la Risposta n. 393 del 23 settembre 2020 all’Interpello avente