Concorsi pubblici: non è obbligatorio lo scorrimento delle graduatorie

Concorsi pubblici: non è obbligatorio lo scorrimento delle graduatorie

Nella Sentenza n. 3272 del 1° luglio 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, la necessità della previa utilizzazione di una precedente graduatoria, in luogo della indizione di una nuova procedura concorsuale – ovvero in luogo della utilizzazione della relativa graduatoria comprensiva anche degli idonei – ha ragione di porsi ove vi sia omogeneità assoluta tra i posti da coprire con l’uno e con l’altro meccanismo selettivo (ovvero con la più remota e la più recente graduatoria concorsuale). In sostanza, l’Amministrazione può ritenere ormai vecchie le graduatorie e, anziché lo scorrimento, preferire piuttosto il nuovo concorso laddove non vi sia perfetta equipollenza dei posti da ricoprire.

Sentenza n. 3272 del 1° luglio 2015 – Consiglio di Stato, Sezione Terza


Related Articles

Diritti di rogito ai Segretari comunali: la Corte Emilia non condivide la Pronuncia del Tar Milano e “si schiera” con la Sezione Autonomie

Nella Delibera n. 74 del 15 settembre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, la richiesta di parere ha ad

Prestiti Enti Locali: Cassa DD.PP. indica le ultime scadenze per richiedere nuovi finanziamenti

Cassa Depositi e Prestiti Spa, con l’Avviso 17 novembre 2017, ha diffuso uno scadenzario operativo in merito alla concessione dei