Concorsi pubblici: non è obbligatorio lo scorrimento delle graduatorie

Concorsi pubblici: non è obbligatorio lo scorrimento delle graduatorie

Nella Sentenza n. 3272 del 1° luglio 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, la necessità della previa utilizzazione di una precedente graduatoria, in luogo della indizione di una nuova procedura concorsuale – ovvero in luogo della utilizzazione della relativa graduatoria comprensiva anche degli idonei – ha ragione di porsi ove vi sia omogeneità assoluta tra i posti da coprire con l’uno e con l’altro meccanismo selettivo (ovvero con la più remota e la più recente graduatoria concorsuale). In sostanza, l’Amministrazione può ritenere ormai vecchie le graduatorie e, anziché lo scorrimento, preferire piuttosto il nuovo concorso laddove non vi sia perfetta equipollenza dei posti da ricoprire.

Sentenza n. 3272 del 1° luglio 2015 – Consiglio di Stato, Sezione Terza


Related Articles

Opere pubbliche: siglato un Protocollo d’intesa tra Anac e Mit su trasparenza gare e appalti

Monitoraggi, vigilanza, controlli degli appalti e una filiera “corta” di responsabilità riorganizzata per il varo del primo “Piano nazionale di

“Fondi di solidarietà 2018”: indicazione dei dati Comune per Comune

Il Ministero dell’Interno, con il Comunicato 30 novembre 2017, ha reso nota l’avvenuta pubblicazione dei numeri del “Fondo di solidarietà”

Novità editoriale: “Gli incarichi esterni di collaborazione autonoma negli Enti Locali dopo la normativa anticorruzione”

DISPONIBILE IL LIBRO “Gli incarichi esterni di collaborazione autonoma negli Enti Locali dopo la normativa anticorruzione”  di Giuseppe Panassidi. Il testo