Debiti P.A.: avviata la rinegoziazione dei prestiti con Cassa DD.PP.

Debiti P.A.: avviata la rinegoziazione dei prestiti con Cassa DD.PP.

Con Comunicato-stampa n. 54/14, pubblicato sul proprio sito web, la Cassa DD.PP. ha reso noto che potranno superare i 2 miliardi di Euro le risorse reperite attraverso il nuovo programma di rinegoziazione dei prestiti. Gli Enti Locali che aderiscono al nuovo programma di rinegoziazione dei prestiti con Cassa Depositi e Prestiti avranno la possibilità destinare tali risorse a nuovi investimenti o alla riduzione del proprio debito.

I prestiti ordinari che potranno essere oggetto di rinegoziazione sono:

  • identità fra debitore e beneficiario;
  • singola posizione di debito residuo almeno pari a Euro 10.000 Euro;
  • scadenza dell’ammortamento successiva al 31 dicembre 2018;
  • non rinegoziati in precedenza.

Gli Enti Locali che decideranno di aderire al programma potranno estendere il periodo di rimborso dei mutui, con il reperimento di risorse stimabili complessivamente fino a Euro 2,3 miliardi.

L’operazione si inquadra nell’ambito delle iniziative di supporto agli Enti Locali per la gestione attiva del debito che Cassa Depositi e Prestiti ha posto in essere nel corso degli anni.

Le richieste di rinegoziazione potranno essere inoltrate a Cassa DD.PP. attraverso il sito web www.cassaddpp.it.


Related Articles

Contabilità economico-patrimoniale: “via libera” della Conferenza Stato-Città alla proroga al 31 luglio 2017

Slitta al 31 luglio 2017 il termine per la presentazione dei documenti di contabilità economico-patrimoniale, prevista per il 30 aprile

Debiti P.A.: assegnate le anticipazioni di cassa agli Enti Locali sciolti per far fronte al pagamento di spese indifferibili

È stato pubblicato sulla G.U. n. 3 del 4 gennaio 2019 il Dm. Interno 19 dicembre 2018, rubricato “Anticipazione di

Sospensione 2020 quota capitale mutui e ridestinazione risorse: di chi la competenza a decidere?

Il testo del quesito: “La sospensione del pagamento della rata dei mutui prevista dall’art. 111 del Dl. n. 18/2020, consente