“Dl. Semplificazioni”: una tappa fondamentale per “snellire” la P.A. e avviarla verso una transizione digitale capace di sostenere il “Pnrr”

“Dl. Semplificazioni”: una tappa fondamentale per “snellire” la P.A. e avviarla verso una transizione digitale capace di sostenere il “Pnrr”

Immagino una P.A. che in pochi mesi riesca a salutare la nascita di ogni bambino e di ogni nuova azienda con una App di benvenuto: che non solo li informi dei servizi a cui hanno diritto – sottolinea Brunetta – ma che li accompagni nelle varie tappe del loro ciclo vitale”. 

Queste le parole espresse dal Ministro per la Pubblica Amministrazione – Renato Brunetta, nell’ambito di una intervista al “Sole 24 ore” riportata sul sito del Dicastero, in riferimento al futuro che immagina per la Pubblica Amministrazione. Parole che dovranno trasformarsi in azioni concrete attraverso il Dl. sulle Semplificazioni della P.A., elemento centrale anche per permettere la buona riuscita del “Pnrr”. Il Decreto, che dovrebbe uscire entro il 20 maggio, è una delle prime ambiziose prove “sul campo” tra le riforme promesse dal Governo.

Il Ministro, comparando il modello vaccinale del Gen. Figliuolo con la Riforma attesa, sottolinea come sia necessario “estendere a tutte le attività della P.A. lo stesso modello straordinario di semplificazione, capillarità, digitalizzazione, efficienza, accoglienza e cortesia che i cittadini stanno sperimentando ora [..]. Ciò che adesso appare straordinario diventerà normale”.

Centrale all’interno della Riforma, secondo il Ministro, sarà il “silenzio-assenso certificato”: “stabiliamo che la P.A., su richiesta dell’interessato, dovrà rilasciare un’attestazione che dimostri l’avvenuta formazione del ‘silenzio-assenso’, come da tempo chiedono Associazioni imprenditoriali e Ordini. Anche tra Amministrazioni rafforziamo la perentorietà dei termini entro cui si dovranno esprimere i pareri in Conferenza dei servizi”.

Altro elemento centrale della Riforma sarà l’unione dei documenti di programmazione degli Enti pubblici in un “Piano unico” basato su organizzazione, performance, valutazione, “lavoro agile” e Transizione digitale. Quest’ultima sfida rappresenta l’obiettivo verso cui orientare gli sforzi in modo coordinato per realizzare il principio del “once only” per facilitare il dialogo con imprese e cittadini. Per dare forza alla Riforma che, nei prossimi giorni dovrà semplificare la Pubblica Amministrazione, secondo il Ministro occorre una forte regia, centrale e territoriale, per portare avanti l’eliminazione concordata dei “colli di bottiglia”: le cosiddette “strozzature amministrative” che ostacolano la conclusione rapida dei procedimenti amministrativi. 

Durante la Conferenza Unificata di giovedì 14 maggio 2021 è previsto l’esame di un nuovo Accordo con gli Enti Territoriali, sulla scia della cosiddetta “Agenda della Semplificazione”. Inoltre, per portare avanti una Riforma efficace della P.A., è stato nominato il “Comitato consultivo per la Transizione amministrativa”: 21 esperti che daranno il loro contributo a monitorare la reingegnerizzazione dei processi (vedi anche la news del 10 maggio 2021).


Related Articles

Relata di notificazione: l’obbligo di conservarla non decade dopo 5 anni per il Concessionario della riscossione

Nella Sentenza n. 1302 del 19 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che devono essere

Progressioni economiche: legittimità della decorrenza nell’anno di sottoscrizione del Contratto decentrato

L’Aran, con il recente Parere pubblicato sul sito in data 20 dicembre 2019 (Orientamento applicativo Cfl_69) ha fornito chiarimenti in

Permessi ex Legge n. 104/1992: chiarimenti sulle novità introdotte dal Dl. “Cura Italia”

L’art. 24 del Dl. n. 18/2020 (Decreto “Cura Italia”), come noto, ha incrementato di ulteriori 12 giorni i permessi previsti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.