Fallimento: l’accertamento tributario deve essere notificato non solo al curatore, ma anche al contribuente

Fallimento: l’accertamento tributario deve essere notificato non solo al curatore, ma anche al contribuente

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 9434 del 30 aprile 2014, ha affermato che l’accertamento tributario, se inerente a crediti i cui presupposti si sono determinati prima della dichiarazione di fallimento o nel periodo d’imposta in cui tale dichiarazione è intervenuta, dev’essere notificato non solo al curatore, ma anche al contribuente, il quale è eccezionalmente abilitato ad impugnarlo nell’inerzia degli Organi fallimentari, poiché esposto ai riflessi anche di carattere sanzionatorio conseguenti dalla definitività dell’atto impositivo. Non può quindi attribuirsi carattere assoluto alla perdita della capacità processuale conseguente alla dichiarazione di fallimento, la quale può essere eccepita esclusivamente dal curatore, nell’interesse della massa dei creditori.

In caso di fallimento di una Società in accomandita semplice, il socio accomandatario dichiarato fallito ai sensi dell’art. 147 della “Legge Fallimentare”, in qualità di legale rappresentante della Società fallita, è legittimato ad agire in giudizio nell’inerzia del curatore, la cui legittimazione esclusiva a far valere il difetto di capacità processuale dell’attore, esclude che lo stesso possa essere rilevato d’ufficio o su eccezione della controparte.


Tags assigned to this article:
accertamentocassazionefallimento

Related Articles

Congedi parentali: i chiarimenti Aran su ferie e tredicesima

Recentemente l’Aran, con gli Orientamenti applicativi RAL_1950 e 1953, ha fornito chiarimenti in merito alla maturazione delle ferie e della

Accertamento: nullità della notifica al falso parente

La Sentenza n. 26501 del 17 dicembre 2014 della Corte di Cassazione, riguarda la validità della notifica di un accertamento

Cassa nazionale Dottori commercialisti: incostituzionale l’obbligo di versare allo Stato parte dei risparmi imposti dalla “Spending Review”

Nella Sentenza n. 7 dell’11 gennaio 2017 della Corte Costituzionale, è stata sollevata questione di legittimità costituzionale dell’art. 8, comma