Federalismo demaniale: accolte 37 nuove domande di trasferimento degli immobili agli Enti Locali

Federalismo demaniale: accolte 37 nuove domande di trasferimento degli immobili agli Enti Locali

L’Agenzia del Demanio ha diffuso un nuovo report – aggiornato al 24 novembre 2014 – sullo stato dell’arte del “Federalismo demaniale”. Dai dati diffusi si apprende che sono state accolte 5.530 delle 9.367 richieste di trasferimento di immobili presentate dagli Enti Locali tra il 1º settembre e il 30 novembre 2013, in applicazione delle norme in materia di “Federalismo demaniale” e in particolare dell’art. 56-bis del Dl. n. 69/13 (c.d. “Decreto del Fare”). Rispetto ai dati diffusi il 26 settembre 2014 quindi si registrano 37 nuovi “via libera” dell’Agenzia del Demanio.

Le variazioni più significative hanno interessato l’ambito dei provvedimenti di trasferimento. Nel precedente aggiornamento l’Agenzia aveva evidenziato come – a fronte delle 5.497 istanze accolte – erano stati emessi soltanto 732 provvedimenti di trasferimento. Al 24 novembre 2014, la quota di provvedimenti emessi è salita a 1.185, su un totale di 5.530 istanze accolte.

Delle rimanenti 3.837 domande, è stato evidenziato come in 3.837 casi (contro i 3.540 di settembre) non sussistono i presupposti per l’applicazione dell’art. 56-bis. Mentre su 257 istanze (contro le 330 del precedente aggiornamento) i pareri sono ancora in via di definizione poiché i casi sono particolarmente complessi.


Tags assigned to this article:
federalismoimmobiliP.A.

Related Articles

Processo tributario: nel contenzioso sulla notifica dell’accertamento è parte il Comune

Nella Sentenza n. 4962 del 2 marzo 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che nel Processo

Notifica: condizioni per l’applicazione della procedura prevista in caso di irreperibilità assoluta

Nella Sentenza n. 18352 del 19 settembre 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che la notificazione degli avvisi

Regolamento Stato civile: eliminata la distinzione tra figli legittimi e naturali

Il 31 marzo 2015 entrerà in vigore il Dpr. 30 gennaio 2015, n. 26 che, in attuazione del’art. 5, comma