Ici: l’attribuzione della qualità di pertinenza si fonda sul criterio fattuale

Ici: l’attribuzione della qualità di pertinenza si fonda sul criterio fattuale

Nell’Ordinanza n. 18323 del 25 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di Ici, l’art. 2 del Dlgs. n. 504/92, che esclude l’autonoma tassabilità delle aree pertinenziali, fonda l’attribuzione della qualità di “pertinenza” sul criterio fattuale e cioè sulla destinazione effettiva e concreta della cosa al servizio od ornamento di un’altra, senza che rilevi l’intervenuto frazionamento dell’area posta a servizio di un edificio, avente esclusivo rilievo formale.

Pertanto, la sopravvenuta modifica catastale assume valore solo formale, anche se rimane a carico del contribuente l’onere di provare la presenza in concreto dei presupposti sui quali si fonda la qualità di pertinenza.


Related Articles

Tari: è dovuta anche in caso di chiusura stagionale di un albergo, salvo dimostrazione di concreta inutilizzabilità della struttura

Nell’Ordinanza n. 10156 dell’11 aprile 2019 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la debenza della Tari

Cartelle di pagamento: onere della prova e notifica a mezzo posta  

Nella Sentenza n. 23213 del 31 ottobre 2014, della Corte di Cassazione, una Ctr ha rigettato l’appello proposto da una

Imis: istituiti i codici-tributo per il versamento dell’Imposta tramite “F24” nella Provincia autonoma di Trento

Con la Risoluzione n. 51/E del 21 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici-tributo per il versamento tramite