Iva: entro il 28 dicembre il versamento dell’acconto, dal 2016 attenzione agli effetti dello “split payment”

Iva: entro il 28 dicembre il versamento dell’acconto, dal 2016 attenzione agli effetti dello “split payment”

Entro il prossimo 28 dicembre (visto che la scadenza del 27 cade di domenica) è necessario procedere, per gli Enti Locali interessati, al versamento dell’acconto Iva per l’anno 2015.

Riepiloghiamo di seguito le regole da seguire per capire se l’acconto è dovuto e, in caso affermativo, come versarlo correttamente per non incorrere in sanzioni.

Soggetti passivi

Tra i soggetti passivi per i quali è previsto l’eventuale versamento dell’acconto annuale Iva sono ricompresi, tra gli altri, anche gli Enti di cui all’art. 74, comma 1, del Tuir (Dpr. n. 917/86), tra cui gli Enti Locali.

Metodo di determinazione dell’importo da versare

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Legge di bilancio 2022”: le disposizioni di maggior interesse per gli Enti Locali e le Società pubbliche

Sulla G.U. n. 310 del 31 dicembre 2021 è stata pubblicata la Legge 30 dicembre 2021, n. 234, recante “Bilancio

Contenzioso tributario: nel 2019 calano le controversie tributarie pendenti

È stato pubblicato sul sito web istituzionale del Mef il Comunicato-stampa n. 54 del 20 marzo 2020, rubricato “Rapporto trimestrale

Appalti pubblici: Palazzo Spada, “Occorre garantire l’integrità morale del concorrente, sia se persona fisica che persona giuridica”

Nella Sentenza n. 2813 del 23 giugno 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, la vicenda controversa riguarda l’esclusione dell’appellante