Iva: entro il 28 dicembre il versamento dell’acconto, dal 2016 attenzione agli effetti dello “split payment”

Iva: entro il 28 dicembre il versamento dell’acconto, dal 2016 attenzione agli effetti dello “split payment”

Entro il prossimo 28 dicembre (visto che la scadenza del 27 cade di domenica) è necessario procedere, per gli Enti Locali interessati, al versamento dell’acconto Iva per l’anno 2015.

Riepiloghiamo di seguito le regole da seguire per capire se l’acconto è dovuto e, in caso affermativo, come versarlo correttamente per non incorrere in sanzioni.

Soggetti passivi

Tra i soggetti passivi per i quali è previsto l’eventuale versamento dell’acconto annuale Iva sono ricompresi, tra gli altri, anche gli Enti di cui all’art. 74, comma 1, del Tuir (Dpr. n. 917/86), tra cui gli Enti Locali.

Metodo di determinazione dell’importo da versare

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: nel caso in cui il Comune sia editore-rivenditore come si applica il regime speciale dell’editoria?

Il testo del quesito: “Il Comune ha fatto stampare 500 copie di un libro, alcune delle quali sono state vendute

Contratti decentrati integrativi: sono illegittimi se prevedono progressioni economiche orizzontali “a pioggia”

La Sentenza n. 2 del 19 gennaio 2015 della Corte dei conti Sardegna ha ad oggetto un caso di contratti

Inail: modificate le modalità di comunicazione dell’infortunio sul lavoro e della malattia professionale

L’Inail, con la Circolare 21 marzo 2016, n. 10, “Decreto legislativo 14 settembre 2015, n.151. Articolo 21, commi 1, lettere