Iva: l’Agenzia fornisce chiarimenti in merito all’esenzione di prestazioni sanitarie rese all’interno delle Farmacie

Iva: l’Agenzia fornisce chiarimenti in merito all’esenzione di prestazioni sanitarie rese all’interno delle Farmacie

Con la Risoluzione n. 60/E del 12 maggio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al regime Iva e all’assolvimento degli obblighi di certificazione dei corrispettivi su alcuni dei servizi sanitari resi dalle Farmacie.

L’Agenzia delle Entrate, in risposta al soggetto istante, ha richiamato in premessa l’art. 10, comma 1, n. 18), del Dpr. n. 633/72, il quale prevede l’esenzione Iva per “le prestazioni sanitarie di diagnosi, cura e riabilitazione rese alla persona nell’esercizio delle professioni e arti sanitarie soggette a vigilanza, ai sensi dell’art. 99 del Tu delle Leggi sanitarie, approvato con Rd. 27 luglio 1934,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Immobili occupati: la Direttiva del Viminale sugli sgomberi alla luce del “Decreto Sicurezza urbana”

Ricognizione degli immobili inutilizzati presenti sul territorio nazionale, sia di proprietà pubblica che privata, vigilanza più serrata al fine di

Imposta di bollo: i contratti di appalto di importo esiguo veicolati dal Mepa sono esenti?

Il testo del quesito: “Il Servizio ‘Provveditorato’ deve procedere alla revisione del Regolamento disciplinate le acquisizioni in economia adottato in

“Fondo salario accessorio”: definiti i criteri per l’incremento, in via sperimentale, di Regioni e Città metropolitane

E’ stato pubblicato in G.U. n. 314 del 19 dicembre 2020 il Dpcm. 11 agosto 2020, concernente la definizione dei