No Green pass di nuovo in piazza a Torino

No Green pass di nuovo in piazza a Torino

Ancora un sabato di protesta a Torino contro il Green pass Italia obbligatorio. Alcune centinaia di persone, accompagnate dalla note di un concerto jazz, si sono ritrovate questo pomeriggio in piazza Castello per partecipare ad una nuova manifestazione promossa dal No Paura Day. “Ancora una volta siamo in piazza contro un lasciapassare che di sanitario non ha nulla ma che viene utilizzato solo per discriminare e ipercontrollare”, hanno detto dal palco allestito su un furgone gli organizzatori annunciando l’intenzione di dare vita ad un corteo per le vie del centro città. 

“La nostra piazza vuole essere inclusiva e non divisiva – ha poi precisato Gianpiero Alaimo, tra i promotori del No Paura Day torinese – la nostra è una posizione non di vetrina ma organizzata nell’interesse dei cittadini che devono essere correttamente informati e non ricevere solo un unico messaggio codificato che crea confusione e divisione”. 

“Onoro la tua libertà scegliendo ogni giorno la mia”. E’ lo slogan del cartello sul furgone che apre il corteo partito al grido di ‘libertà, libertà’, ‘ministro Speranza ne abbiamo abbastanza’ e ‘giù le mani dai bambini’. 

“Il vaccino deve rimanere una libera scelta non può essere un atto obbligato”, ribadiscono dal megafono gli organizzatori della protesta che aggiungono: “il green pass è un documento che ci discrimina”. 

Intanto questo pomeriggio una trentina di No Vax hanno manifestato davanti all’ospedale Molinette contro quella che definiscono ‘dittatura sanitaria’. 


Related Articles

Euro 2020, Luis Enrique: “Complimenti Italia, in finale tiferò per voi”

”Partita di altissimo livello. Uno spettacolo per i tifosi. Complimenti all’Italia”, firmato Luis Enrique. Il ct della Spagna non perde

Cadavere trovato a Temù è di Laura Ziliani, autopsia conferma

Come già sospettava la Procura di Brescia, è di Laura Ziliani il corpo di donna ritrovato in un torrente nei

Scuola, preside Marymount: “compagno banco in quarantena? Imprudente, va ridotta durata”

L’ipotesi di quarantena ridotta al compagno di banco si scontra con un problema: “la geografia e logistica delle scuole. In

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.