Notifiche: individuate le spese per la notifica degli atti con la “Piattaforma per la notificazione digitale”

Notifiche: individuate le spese per la notifica degli atti con la “Piattaforma per la notificazione digitale”

È stato pubblicato sulla G.U. Serie Generale n. 180 del 3 agosto 2022 il Decreto Ministero per Innovazione tecnologica e la Transizione digitale 30 maggio 2022, rubricato “Individuazione dei costi e dei criteri e modalità di ripartizione e ripetizione delle spese di notifica degli atti tramite la Piattaforma di cui all’art. 26, comma 14 del Decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76”.

All’interno del Decreto vengono individuati i costi e i criteri per la determinazione e ripartizione delle spese di notifica degli atti posti in notifica attraverso la Piattaforma digitale di cui all’art. 26, comma 14, del Dl. n. 76/2020.

In via preliminare, viene stabilito che le spese della notificazione degli atti tramite Piattaforma sono ripetibili nei confronti del destinatario e, fatto salvo quanto previsto dall’art. 5, comma 3, ovvero nei casi di consegna della copia cartacea attraverso il “servizio universale di consegna”, in caso di mancato pagamento, sono recuperate dai mittenti, cioè dagli Enti che hanno richiesto la notifica attraverso la Piattaforma. 

Le spese di notificazioni sono determinate sulla base:

a) dei costi, sostenuti dai mittenti, per l’elaborazione degli atti, provvedimenti, avvisi e comunicazioni oggetto di notifica, per il relativo deposito sulla piattaforma e per la gestione degli esiti della notifica; 

b) dei costi, sostenuti dal gestore della Piattaforma, per la gestione del complessivo servizio di notifica, con esclusione di quelli relativi alla notifica degli avvisi in formato cartaceo;

c) dei costi relativi alla notifica degli avvisi in formato cartaceo, nei casi di cui all’art. 26, commi 6 e 7, del Dl. n. 76/2021, vale a dire in caso di casella Pec satura, oppure di notifica effettuata nei confronti dei soggetti privi di un proprio domicilio digitale; 

d) dei costi sostenuti dal fornitore del Servizio, per la consegna della copia cartacea degli atti oggetto di notificazione nei confronti dei soggetti privi del domicilio fiscale e per garantire l’accesso universale alla Piattaforma e al nuovo servizio di notificazione digitale.

L’ammontare delle spese, ripetibile nei confronti del destinatario, è pari ad Euro 2,00 per ogni notificata effettuata con la Piattaforma. In caso di notifica, tramite Piattaforma, ad un destinatario privo di Pec o, in generale, di un proprio domicilio digitale, si aggiungono i costi di cui alle precedenti lett. c) e d).

I costi di spedizione per l’attività di notifica degli avvisi in formato cartaceo, a mezzo posta, sono determinati sulla base di quelli risultanti dai contratti di appalto stipulati dal gestore della Piattaforma all’esito di procedure ad evidenza pubblica, in misura differenziata a seconda della modalità di spedizione utilizzata. I costi verranno resi noti dal gestore della Piattaforma con apposita comunicazione all’interno del proprio sito web istituzionale.

Le spese quantificate come sopradescritto verranno così ripartite:

a) Euro 1,00, a favore dei mittenti; 

b) Euro 1,00, a favore del gestore della Piattaforma; 

c) Euro 1,40, a favore del fornitore del “servizio postale universale” nei casi di consegna della copia cartacea degli atti. 

Le somme spettanti al fornitore del “servizio postale” sono versate dal destinatario dell’atto al momento della consegna del plico.

I costi relativi alla notifica degli avvisi in formato cartaceo sono versati dal mittente al gestore ella Piattaforma. 

Per la notifica degli atti di AdE e AdE-R, sono ripetibili esclusivamente le somme spettanti al gestore della Piattaforma e quelle a favore del fornitore del “servizio postale” – precedenti lett. b) e c) – oltre ai costi di spedizione. 

I soggetti mittenti sono tenuti ad anticipare al gestore della Piattaforma, per ciascuna commessa, il 30% dell’ammontare delle spese a favore del gestore stesso, oltre al 30% dei costi relativi agli avvisi in formato cartaceo, calcolato dal mittente sulla base della percentuale degli invii cartacei effettuati nell’anno precedente a quello della commessa di riferimento.

Entro 30 giorni dalla verifica di regolarità delle prestazioni relative a ciascuna commessa, i mittenti devono corrispondere il saldo dell’importo dovuto, fatti salvi eventuali diversi accordi tra i mittenti e il gestore della Piattaforma.


Related Articles

Imposta di pubblicità: legittimità della ricollocazione degli impianti con gara pubblica

  Nella Sentenza n. 1261 del 27 maggio 2015, del Tar Lombardia, Milano, la Società istante ha lamentato la violazione

Iniziative di sviluppo infrastrutturale: al via l’intesa tra Cassa Depositi e Prestiti e l’Unione Province d’Italia

Identificare iniziative di sviluppo infrastrutturale su cui Cassa Depositi e Prestiti fornirà assistenza e consulenza tecnica, economica e finanziaria alle

Tarsu: superficie della spiaggia dello stabilimento balneare

Nell’Ordinanza n. 27006 del 23 ottobre 2019 della Corte di Cassazione, il gestore di uno stabilimento balneare ha contestato un

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.