Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Nella Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, a prescindere dalla espressa previsione di varianti progettuali in sede di bando, i Giudici ritengono che deve ritenersi insito nella scelta del criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa che, anche quando il progetto posto a base di gara sia definitivo, è consentito alle imprese di proporre quelle variazioni migliorative rese possibili dal possesso di peculiari conoscenze tecnologiche, purché non si alterino i caratteri essenziali delle prestazioni richieste dalla lex specialis onde non ledere la par condicio.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Comunicazione delle ritenute negli appalti “labour intensive”: sembrano escluse dai nuovi obblighi tutte le P.A. non soggette a Ires

L’Agenzia delle Entrate, con l’attesa Circolare n. 1/E del 12 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti in merito alle nuove norme

Obbligo di motivare l’affidamento in house di un contratto: il Tar Liguria rimette la questione alla Consulta

E’ rimessa alla Corte Cost. la q.d.c. dell’art. 192 c. 2 del D.Lgs. n. 50/2016, nella parte in cui prevede

Gara d’appalto: legittimo non procedere all’aggiudicazione definitiva ma deve essere stabilito tramite provvedimento espresso

Nella Sentenza n. 749 del 10 ottobre 2016, il Tar Sardegna si esprime in merito ad una gara indetta da