Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Nella Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, a prescindere dalla espressa previsione di varianti progettuali in sede di bando, i Giudici ritengono che deve ritenersi insito nella scelta del criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa che, anche quando il progetto posto a base di gara sia definitivo, è consentito alle imprese di proporre quelle variazioni migliorative rese possibili dal possesso di peculiari conoscenze tecnologiche, purché non si alterino i caratteri essenziali delle prestazioni richieste dalla lex specialis onde non ledere la par condicio.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Rotazione degli inviti e degli affidamenti: l’affidatario uscente può essere il subappaltatore di un concorrente

Nella Delibera n. 344 del 22 aprile 2020 dell’Anac, viene chiesto un parere sull’applicazione del Principio della rotazione nell’ambito della

Esclusione dalla gara: illegittima se disposta perché il ribasso percentuale è inferiore ad una soglia predefinita

Nel Parere n. 126 del 15 luglio 2015 dell’Anac, la questione controversa in esame attiene alla legittimità di una clausola

Anac: presentata a Montecitorio la Relazione annuale

Lo scorso 18 giugno 2021, presso la Sala Regina di Montecitorio, si è svolta la presentazione della Relazione annuale dell’Anac.