Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Nella Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, a prescindere dalla espressa previsione di varianti progettuali in sede di bando, i Giudici ritengono che deve ritenersi insito nella scelta del criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa che, anche quando il progetto posto a base di gara sia definitivo, è consentito alle imprese di proporre quelle variazioni migliorative rese possibili dal possesso di peculiari conoscenze tecnologiche, purché non si alterino i caratteri essenziali delle prestazioni richieste dalla lex specialis onde non ledere la par condicio.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Centrali uniche di committenza: raggiunta l’intesa sui requisiti per l’iscrizione nell’elenco dei soggetti aggregatori

Con una Nota pubblicata recentemente sul proprio sito il 24 ottobre 2014, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Servizi e forniture: il nuovo “Codice degli Appalti” porta a una brusca riduzione delle procedure di gara

L’Anac ha elaborato e diffuso, con Comunicato del Presidente datato 13 luglio 2016 ma pubblicato il 21 luglio 2016, i

Debiti P.A.: da quando deve essere pubblicato trimestralmente lo stock del debito commerciale scaduto ?

Il testo del quesito. “Sul sito del Comune in Sezione ‘Trasparenza’ deve essere pubblicato lo stock del debito commerciale (scaduto)