Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Offerta economicamente più vantaggiosa: ammesse varianti migliorative che non alterino la prestazione richiesta

Nella Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che, a prescindere dalla espressa previsione di varianti progettuali in sede di bando, i Giudici ritengono che deve ritenersi insito nella scelta del criterio selettivo dell’offerta economicamente più vantaggiosa che, anche quando il progetto posto a base di gara sia definitivo, è consentito alle imprese di proporre quelle variazioni migliorative rese possibili dal possesso di peculiari conoscenze tecnologiche, purché non si alterino i caratteri essenziali delle prestazioni richieste dalla lex specialis onde non ledere la par condicio.

Consiglio di Stato – Sentenza n. 5655 dell’11 dicembre 2015


Related Articles

Bando di gara: la modifica dell’errore materiale inerente una causa di esclusione implica la necessità di ripubblicazione

Nella Sentenza n. 898 del 14 luglio 2016 del Tar Veneto, una Azienda sanitaria indiceva una gara per la fornitura

Gare pubbliche: fino all’emanazione del Decreto istitutivo della nuova “Banca dati nazionale”, per le verifiche dei requisiti il riferimento resta l’Avcpass

In attesa dell’emanazione della nuova “Banca dati nazionale degli operatori economici” per la verifica del possesso dei requisiti per la

Appalti: la proroga del contratto a condizioni diverse da quelle originarie costituisce nuovo affidamento

La possibilità di proroga del servizio oggetto dell’appalto, spesso prevista nella lex specialis di gara, per un ulteriore termine predefinito,