“Permesso di costruire”: l’annullamento in autotutela dopo più di 20 anni è illegittimo

“Permesso di costruire”: l’annullamento in autotutela dopo più di 20 anni è illegittimo

Nella Sentenza n. 5493 del 22 novembre 2017 del Tar Campania, la questione controversa in esame riguarda 2 titolari di un “permesso di costruire”, i quali hanno proposto ricorso per l’annullamento del provvedimento con il quale un Comune aveva annullato l’autorizzazione edilizia rilasciata ai ricorrenti 22 anni prima e che prevedeva a loro carico la cessione gratuita di una parte del terreno da destinare a standard urbanistico. Il Comune aveva poi diffidato, ben 22 anni dopo, gli stessi ad ottemperare all’impegno assunto al rilascio della concessione edilizia di trasferire l’indicata area di terreno. Poiché non avevano provveduto, l’Amministrazione comunale aveva adottato il provvedimento di annullamento d’ufficio dell’originario “permesso di costruire”. I Giudici campani rilevano la violazione dell’art. 21-nonies della Legge n. 241/90 che, anche prima della novella di cui alla Legge n. 124/05 (che ha ridotto a 18 mesi il termine massimo per intervenire in autotutela amministrativa), prescriveva che l’annullamento dovesse intervenire in ogni caso entro un termine ragionevole. Ciò non è certamente avvenuto nel caso di specie, poiché non può in alcun modo essere ritenuto ragionevole un lasso di tempo pari a 22 anni, avuto riguardo al particolare rigore con cui va effettuato un simile accertamento allorché il potere di autotutela viene esercitato su atti attribuitivi di utilità giuridiche od economiche.

Dunque, il Provvedimento con il quale un Comune, 22 anni dopo il rilascio, ha annullato in autotutela il “permesso di costruire” per la realizzazione di un fabbricato per civile abitazione, è illegittimo.


Related Articles

Mef: disponibili le statistiche sulle Dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche 2013

Con il Comunicato n. 80 del 2 aprile 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato l’avvenuta pubblicazione, a

Oneri aziendali in materia di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro: possono non essere indicati nei casi di affidamento diretto

Nella Delibera n. 123 del 10 febbraio 2021, viene chiesto all’Anac di esprimersi in ordine alla legittimità di un provvedimento

Incarichi dirigenziali: termini di durata

Nell’Ordinanza n. 14 del 9 gennaio 2019 del Tar Puglia, i Giudici affermano che l’incarico dirigenziale deve avere durata minima