Personale dipendente in missione: indennità per le spese sostenute con l’utilizzo del mezzo proprio

Personale dipendente in missione: indennità per le spese sostenute con l’utilizzo del mezzo proprio

Nella Delibera n. 202 del 21 novembre 2014 della Corte dei conti Puglia, pubblicata il 2 dicembre 2014 sul relativo sito istituzionale, un Sindaco chiede un parere in merito alla possibilità di riconoscere al personale dipendente una forma di ristoro delle spese sostenute dal personale autorizzato all’uso del mezzo proprio. La Sezione osserva che il quesito in esame ruota attorno alla corretta applicazione dell’art. 6, comma 12, del Dl. n. 78/10 convertito con Legge n. 122/10. Tale disposizione nel perseguire l’obiettivo del contenimento delle spese delle Pubbliche Amministrazioni, prevede che nei confronti del personale contrattualizzato di cui al Dlgs. n. 165/01 non trova più applicazione la normativa che dava diritto al personale che si reca in missione con l’utilizzo del mezzo proprio alla corresponsione di un’indennità ragguagliata ad un quinto del prezzo di un litro di benzina super vigente nel tempo oltre il rimborso dei pedaggi autostradali. Poiché le disposizioni oggetto di disapplicazione sono state recepite, in vario modo, anche dalla contrattazione collettiva l’art. 6, comma 12, prevede che a decorrere dalla data di entrata in vigore del Dl. n. 78/10 (31 maggio 2010) cessano di avere efficacia anche eventuali analoghe disposizioni contenute nei contratti collettivi. La Sezione afferma che non è più possibile riconoscere in favore dei dipendenti in missione per conto dell’Amministrazione il rimborso delle spese sostenute nella misura precedentemente stabilita dal disapplicato art. 8 della Legge n. 417/78. Quanto sopra anche nel caso in cui l’utilizzo del mezzo proprio costituisca lo strumento più efficace ed economico per il conseguimento dell’interesse pubblico. Infatti, opinando diversamente, si svuoterebbe completamente la portata precettiva dell’art. 6, comma 12 del Dl. n. 78/10 atteso che, anche nel regime previgente, l’autorizzazione all’utilizzo del mezzo proprio era soggetta ad una preventiva valutazione dei benefici in termini di efficacia ed efficienza che potevano derivarne in favore dell’Ente. Nel quadro normativo sopra delineato, la residua possibilità da parte dell’Amministrazione di continuare ad autorizzare l’utilizzo del mezzo proprio (derivante dalla mancata abrogazione dell’art. 9 della Legge n. 417/78) avrebbe il limitato fine di garantire al dipendente la copertura assicurativa in base alle vigenti disposizioni. Infatti, secondo l’indirizzo già espresso dalle Sezioni riunite, con la Delibera n. 8/11, “il dipendente che intenda avvalersi del mezzo proprio, al fine di rendere più agevole il proprio spostamento, potrà comunque conseguire l’autorizzazione da parte dell’Amministrazione, con il limitato effetto di ottenere la copertura assicurativa dovuta in base alle disposizioni vigenti. Le disposizioni interne delle singole Amministrazioni potranno prevedere, in caso di autorizzazione all’uso del mezzo proprio, un indennizzo corrispondente alla somma che il dipendente avrebbe speso se fosse ricorso ai mezzi pubblici, ove ciò determini un più efficace espletamento dell’attività, garantendo, ad esempio, un più rapido rientro in servizio, risparmi del pernottamento, l’espletamento di un numero maggiore di interventi”. Le Sezioni Riunite, nella successiva Deliberazione n. 21/11, hanno inoltre osservato che “va affermata l’impossibilità per l’Amministrazione di reintrodurre, attraverso una regolamentazione interna, il rimborso delle spese sostenute dal dipendente sulla base delle indicazioni fornite dal disapplicato art. 8 della Legge n. 417/88. Tale modo di operare, infatti, costituirebbe una chiara elusione del dettato e della ratio del disposto  del richiamato art 6, comma 12, del Dl. n. 78/10.” Pertanto, in relazione al quesito in esame, la Sezione non può che confermare che le uniche forme di ristoro per l’utilizzo del mezzo proprio sono quelle enunciate negli indirizzi ermeneutici delle Sezioni Riunite.


Tags assigned to this article:
personale P.A.rimborsitrasferte

Related Articles

Diritto di famiglia: definitivamente superata la distinzione tra figli “naturali” e “legittimi”

La distinzione (verbale e non) tra i cosiddetti “figli naturali” ed i “figli legittimi” è definitivamente cancellata. A sancire questa

Danno derivante da gestione di servizio pubblico: giurisdizione della Corte dei conti

Nella Sentenza n. 21871 del 30 agosto 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che sussiste il

Nuovo “Codice degli appalti”:  prime “Linee guida” attuative Anac approvate e trasmesse al Mit per l’adozione del Decreto

L’Anac, lo scorso 28 giugno 2016, ha reso noto che il Consiglio dell’Autorità ha approvato il 21 giugno 2016 5