“Piani fabbisogno personale”: c’è tempo fino al 25 settembre 2018 per recepire le “Linee di indirizzo”

“Piani fabbisogno personale”: c’è tempo fino al 25 settembre 2018 per recepire le “Linee di indirizzo”

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 173 del 27 luglio 2018 il Dpcm. 8 maggio 2018, con il quale sono state approvate le “Linee di indirizzo per la predisposizione dei ‘Piani di fabbisogno di personale’ da parte delle Amministrazioni pubbliche” diramate, lo scorso maggio 2018, sul proprio sito istituzionale dal Dipartimento della Funzione pubblica.

La data di pubblicazione delle “Linee di indirizzo” è particolarmente importante perché è a partire da allora che decorrono i 60 giorni entro i quali le Amministrazioni pubbliche che non hanno ancora proceduto ad adottare il proprio “Piano dei fabbisogni” devono recepire i contenuti della Direttiva.

Il termine ultimo per l’adeguamento da parte delle P.A., ivi compresi gli Enti Locali, è dunque fissato al 25 settembre 2018. Gli Enti inadempienti incorreranno nella sanzione di cui all’art. 6, comma 6, del Dlgs. n. 165/2001, consistente nell’impossibilità ad effettuare nuove assunzioni.

Per ulteriori dettagli sui contenuti del Documento rimandiamo all’approfondimento precedentemente pubblicato su queste pagine.

Dpcm.

Linee di indirizzo


Related Articles

“Covid-19” e aiuti di Stato: la Commissione Ue adotta un quadro temporaneo per consentire agli Stati membri di sostenere l’economia

La Commissione Europea, in considerazione dell’impatto economico dell’epidemia di “Covid-19”, ha adottato un “quadro temporaneo” per consentire agli Stati membri

Posizioni organizzative: la giurisdizione sul conferimento è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 290 dell’11 febbraio 2016 del Tar Puglia, i Giudici affermano che il conferimento di posizioni organizzative al

Imposta di sbarco: Palazzo Spada rimette alla Corte costituzionale la questione di legittimità sull’applicazione limitata a specifici vettori

Con l’Ordinanza n. 4336 del 16 settembre 2015, il Consiglio di Stato rimette alla Consulta la questione di legittimità costituzionale

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.