Principio di rotazione: non rappresenta un requisito di idoneità professionale

Principio di rotazione: non rappresenta un requisito di idoneità professionale

Nella Sentenza 2182 del 31 marzo 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che la violazione del rispetto del principio di rotazione deve essere dedotto unitamente all’impugnazione dell’aggiudicazione e non con il provvedimento di ammissione alla gara, non attenendo ai requisiti di ordine soggettivo, la cui verifica è assoggettata al regime della impugnazione immediata di cui all’art. 120, commi 2-bis e 6-bis, del Cpa.

Il principio della rotazione, previsto dall’art. 36, comma 1, del Dlgs. n. 50/2016, si applica già nella fase dell’invito degli operatori alla procedura di gara. In particolare, i Giudici osservano che i

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Avvalimento: clausole vietate di esclusione c.d. “atipiche” e rimessione all’Adunanza plenaria

Nella Sentenza n. 1920 del 17 marzo 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che è rimessa all’Adunanza plenaria

Partecipazione alle procedure sotto soglia: applicabilità del criterio di rotazione

Nella Sentenza n. 419 del 4 ottobre 2016 del Tar Friuli Venezia Giulia, una ditta agisce in giudizio per l’annullamento

Responsabilità amministrativa: condanna del Dirigente “Lavori pubblici” per revoca immotivata dell’incarico professionale di progettazione

Corte dei conti – Sezione terza giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 93 del 12 febbraio 2014   Oggetto Condanna

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.