Processo tributario: confermata la validità della motivazione di una Sentenza basata sulla riproduzione del contenuto di un atto di parte

Processo tributario: confermata la validità della motivazione di una Sentenza basata sulla riproduzione del contenuto di un atto di parte

Nell’Ordinanza n. 14599 del 12 giugno 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, nel processo civile e in quello tributario, la Sentenza la cui motivazione si limiti a riprodurre il contenuto di un atto di parte (o di altri atti processuali o provvedimenti giudiziari), senza niente aggiungervi, non è nulla qualora le ragioni della decisione siano in ogni caso attribuibili all’Organo giudicante e risultino in modo chiaro, univoco ed esaustivo.

In base alle disposizioni costituzionali e processuali, tale tecnica di redazione non può infatti ritenersi di per sé sintomatica di un difetto di imparzialità del Giudice, al quale non è imposta l’originalità, né dei contenuti, né delle modalità espositive, tanto più che la validità degli atti processuali si pone su un piano diverso rispetto alla valutazione professionale o disciplinare del Magistrato.


Related Articles

“PagoPA” e versamenti da privati: ci sono tipologie di incassi che possono essere ottenuti comunque con bonifico o altro mezzo ?

Il testo del quesito. “Siamo a presentare il seguente quesito sul ‘PagoPA’ in relazione al contratto di call center: abbiamo

Difetto di sottoscrizione: non porta alla nullità

Nell’Ordinanza n. 1545 del 22 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda il difetto di sottoscrizione da

Imu: dev’essere pagata anche dai Consorzi di bonifica

La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 22647 del 24 ottobre 2014, ha statuito che i Consorzi di bonifica sono