Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Nella Delibera n. 254 del 6 aprile 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha formulato un quesito in relazione alla corretta applicazione dell’art. 208, commi 4 e 5-bis, del Dlgs. n. 285/92, disciplinante la destinazione di una quota dei proventi derivanti dall’irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniare per le violazioni al “Codice della Strada”, chiedendo in particolare se sia possibile, per gli Enti destinatari della norma, ridurre gli stanziamenti già destinati a taluna delle tipologie di attività o interventi previsti dall’art. 208, per incrementare le risorse destinate ad altra tipologia di attività o interventi, sempre

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contabilità economico-patrimoniale: Arconet non condivide la lettura pro-rinvio per i Comuni fino a 5.000 abitanti ma di fatto lo autorizza

Con la Faq n. 30 pubblicata dalla Commissione Arconet l’11 aprile 2018 sul sito della Ragioneria generale dello Stato sono

“Art-bonus”: viene riconosciuto nel caso di erogazioni a soggetti considerati “affidatari di beni culturali pubblici”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 20 all’Istanza di Interpello, diffusa il 3 ottobre 2018, ha fornito chiarimenti in