Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Nella Delibera n. 254 del 6 aprile 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha formulato un quesito in relazione alla corretta applicazione dell’art. 208, commi 4 e 5-bis, del Dlgs. n. 285/92, disciplinante la destinazione di una quota dei proventi derivanti dall’irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniare per le violazioni al “Codice della Strada”, chiedendo in particolare se sia possibile, per gli Enti destinatari della norma, ridurre gli stanziamenti già destinati a taluna delle tipologie di attività o interventi previsti dall’art. 208, per incrementare le risorse destinate ad altra tipologia di attività o interventi, sempre

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Relazione di inizio mandato: una occasione di confronto e approfondimento per Tecnici e Amministratori

Nei prossimi mesi, molti Sindaci si troveranno a dover firmare la Relazione di inizio mandato prevista dall’art. 4-bis del Dlgs.

Europa: una svolta finanziaria epocale per limitare, uniti, i danni del “Covid-19” e ripartire

Introduzione[1] A parere di chi scrive l’incipit, ovvero tutto quello che di straordinario sta accadendo in Europa a livello finanziario,

Trasferimenti erariali: ripartiti i contributi alle Regioni per fronteggiare le spese per l’assistenza dei bambini con disabilità

È stato pubblicato sulla G.U. n. 23 del 28 gennaio 2019 il Dpcm. 21 dicembre 2018, relativo al riparto del