Pubblico impiego: l’esistenza di una graduatoria ancora valida non preclude l’avvio di una procedura di mobilità

Pubblico impiego: l’esistenza di una graduatoria ancora valida non preclude l’avvio di una procedura di mobilità

Nella Sentenza n. 3677 del 21 luglio 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici specificano che l’istituto del cosiddetto “scorrimento della graduatoria” presuppone necessariamente una decisione dell’Amministrazione di coprire il posto. Quindi, l’obbligo di servirsi della graduatoria entro il termine di efficacia della stessa preclude all’Amministrazione di bandire una nuova procedura concorsuale ove decida di reclutare personale, ma non la obbliga “tout court” all’assunzione dei candidati non vincitori in relazione a posti che si rendano vacanti e che l’Amministrazione stessa non intenda coprire. Inoltre, aggiungono i Giudici, l’esistenza di una graduatoria ancora valida limita quando non esclude l’indizione di un nuovo concorso, nondimeno non incide sulla potestà di avviare una procedura di mobilità. Infatti, la mobilità è alternativa all’assunzione di personale nuovo rispetto al concorso o allo scorrimento delle relative graduatorie. Con la mobilità il personale non viene assunto, ma solamente trasferito con il consenso dell’Amministrazione di appartenenza, che esercita una valutazione circa la necessità di mantenere presso di sé determinati soggetti.


Related Articles

Finanziamento Edilizia scolastica: il Miur proroga i termini di aggiudicazione dei mutui Bei

È stato pubblicato sul sito web del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca il Decreto con il quale si prorogano i

Phishing anche via Pec: attenzione alle false mail sulla fatturazione elettronica

Con il Comunicato stampa del 14 ottobre 2019, l’Agenzia delle Entrate informa che in questi giorni stanno circolando delle mail

“Legge di stabilità”: Fassino, “bene la riduzione del Patto, ora semplificare fisco locale”

Il Presidente dell’Anci Piero Fassino ha accolto positivamente la misura della “Legge di stabilità 2015” che prevede la riduzione del