Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Con il Decreto 16 settembre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 223 del 25 settembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha definito l’elenco delle spese che passeranno sotto la lente di ingrandimento dell’Amministrazione finanziaria al fine di verificare la loro compatibilità con i redditi dichiarati dai contribuenti. Il nome tecnico della misura in questione, passata agli onori della cronaca come “Redditometro”, è “Accertamento sintetico del reddito complessivo delle persone fisiche”.

L’elenco delle spese per acquisizioni di beni e servizi e per il relativo mantenimento è contenuto nella Tabella “A” allegata al Dm. Mef. Le disposizioni contenute nel Decreto sono applicabili alla determinazione sintetica dei redditi e dei maggiori redditi relativi agli anni d’imposta a decorrere dal 2011.


Related Articles

Accertamento catastale: ampliamento strutturale di Impianto di stoccaggio e vendita di Gpl

Nell’Ordinanza n. 14555 del 26 maggio 2021 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che, in materia di classamento, ai

“Testo unico partecipate”: termine “fatturato” utilizzato nell’art. 20 coincide con ammontare ricavi conseguiti nell’esercizio

Nella Delibera n. 54 del 28 marzo 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere

Suddivisione in lotti importo elevato: possibile purché adeguatamente motivata

Nella Sentenza n. 1162 del 29 luglio 2019 del Tar Toscana, i Giudici rilevano che, ai sensi dell’art. 51 del