Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Con il Decreto 16 settembre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 223 del 25 settembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha definito l’elenco delle spese che passeranno sotto la lente di ingrandimento dell’Amministrazione finanziaria al fine di verificare la loro compatibilità con i redditi dichiarati dai contribuenti. Il nome tecnico della misura in questione, passata agli onori della cronaca come “Redditometro”, è “Accertamento sintetico del reddito complessivo delle persone fisiche”.

L’elenco delle spese per acquisizioni di beni e servizi e per il relativo mantenimento è contenuto nella Tabella “A” allegata al Dm. Mef. Le disposizioni contenute nel Decreto sono applicabili alla determinazione sintetica dei redditi e dei maggiori redditi relativi agli anni d’imposta a decorrere dal 2011.


Related Articles

“Part-time”: limiti per incremento orario in relazione ai vincoli di spesa

Nella Delibera n. 338 del 9 novembre 2016 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto se è possibile

“Reverse charge”: dal 2 maggio 2016 è esteso alle cessioni di console da gioco, tablet, Pc e laptop

Con la Circolare n. 21/E del 25 maggio 2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in materia di “reverse charge”

Grave illecito professionale: include la risoluzione anticipata di un precedente contratto

Nella Sentenza n. 1353 dell’8 luglio 2019 del Tar Catanzaro, l’art. 80, comma 5, lett. c), del Dlgs. n. 50/2016,