Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Con il Decreto 16 settembre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 223 del 25 settembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha definito l’elenco delle spese che passeranno sotto la lente di ingrandimento dell’Amministrazione finanziaria al fine di verificare la loro compatibilità con i redditi dichiarati dai contribuenti. Il nome tecnico della misura in questione, passata agli onori della cronaca come “Redditometro”, è “Accertamento sintetico del reddito complessivo delle persone fisiche”.

L’elenco delle spese per acquisizioni di beni e servizi e per il relativo mantenimento è contenuto nella Tabella “A” allegata al Dm. Mef. Le disposizioni contenute nel Decreto sono applicabili alla determinazione sintetica dei redditi e dei maggiori redditi relativi agli anni d’imposta a decorrere dal 2011.


Related Articles

Iva: è detraibile se l’Ufficio non dimostra la malafede del cessionario

Nella Sentenza della Ctp. Lecce n. 186/02/15 del 16 gennaio 2015, la controversia è nata da un avviso di accertamento

Contratto di “leasing in costruendo”: modalità di contabilizzazione di lavori aggiuntivi

Nella Delibera n. 422 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sui criteri di

Gare pubbliche: rimessa alla Corte di Giustizia Ue la decisione in merito all’impugnazione degli atti da parte di chi non ha partecipato

Nella Sentenza n. 263 del 29 marzo 2017 del Tar Liguria, i Giudici si esprimono sulla legittimazione ad impugnare gli