Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Redditometro: varato il Decreto che stabilisce le spese da sottoporre ai controlli del Fisco

Con il Decreto 16 settembre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 223 del 25 settembre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha definito l’elenco delle spese che passeranno sotto la lente di ingrandimento dell’Amministrazione finanziaria al fine di verificare la loro compatibilità con i redditi dichiarati dai contribuenti. Il nome tecnico della misura in questione, passata agli onori della cronaca come “Redditometro”, è “Accertamento sintetico del reddito complessivo delle persone fisiche”.

L’elenco delle spese per acquisizioni di beni e servizi e per il relativo mantenimento è contenuto nella Tabella “A” allegata al Dm. Mef. Le disposizioni contenute nel Decreto sono applicabili alla determinazione sintetica dei redditi e dei maggiori redditi relativi agli anni d’imposta a decorrere dal 2011.


Related Articles

Città metropolitane: personale e tagli di risorse al centro delle richieste dei Sindaci

Con un Comunicato-stampa diffuso sul proprio sito, l’Anci ha fatto il quadro di quanto emerso nel corso del Coordinamento dei

Impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche: non c’è presupposto del classamento come “mezzo pubblico di trasporto”

Nella Ordinanza n. 6067 del 9 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità, con riferimento agli Impianti

Tributi erariali soppressi: dichiarazione ex art. 15 della Legge n. 408/90 successivamente ad una pronuncia di merito favorevole al contribuente

Nella Sentenza n. 20272 del 9 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici osservano che l’art. 15 della Legge