Revoca incarico dirigenziale: comporta danno erariale e responsabilità per la Giunta dell’Ente

Revoca incarico dirigenziale: comporta danno erariale e responsabilità per la Giunta dell’Ente

Nella Sentenza n. 390 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Lazio, la controversia ha ad oggetto il risarcimento del danno cagionato alla Comunità montana a seguito del demansionamento di un dipendente, che ha portato alla condanna dell’Amministrazione al reintegro ed al risarcimento. In stretta connessione oggettiva con la revoca dell’incarico dirigenziale al predetto dipendente, la Procura ritiene vi siano stati una serie di illegittimi e reiterati affidamenti all’esterno di compiti istituzionali, sotto forma di consulenze o altri incarichi, che “per quantità e modalità si pongono in totale contrasto con i principi che regolano la materia”, e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Emergenze: istituito il “Nucleo tecnico nazionale” per il rilievo del danno e la valutazione di agibilità post-sismica

Con il Dpcm. 8 luglio 2014 (pubblicato sulla G.U. n. 243 del 18 ottobre 2014), è stato istituito il “Nucleo

Permessi retribuiti fruibili dai lavoratori chiamati a funzioni elettive: il punto della Corte Lombardia sulla disciplina

Nella Delibera n. 297 del 3 novembre 2016 della Corte dei conti Lombardia un Sindaco, in riferimento al disposto degli

Appalti: anche l’ausiliaria deve dichiarare in gara eventuali risoluzioni di precedenti contratti con altre Amministrazioni

Le dichiarazioni in ordine ai requisiti di moralità professionale di cui all’art. 38 del Dlgs. n. 163/06 ricomprendono anche –