Riaccertamento straordinario: quale trattamento devono subire i residui da considerare di dubbia esigibilità?

Riaccertamento straordinario: quale trattamento devono subire i residui da considerare di dubbia esigibilità?

Il testo del quesito:

In un Comune risultano, come dal conto consuntivo, tra le entrate di parte corrente, residui attivi risalenti ad anni precedenti il 2010. Tali residui, secondo i vari Responsabili dei Servizi, sono stati mantenuti perché importi iscritti a ruolo, in sede ora di riaccertamento straordinario dei residui, tra i sopradetti residui a parere del sottoscritto, risultano esserci crediti inesigibili, perché prescritti o per irreperibilità dei soggetti o per irregolare o mancata notifica da parte dell’Esattore della cartella di pagamento entro i termini previsti. Tra i residui risultano importi risalenti agli anni 1998/2000/2001/2002/2003, ecc. Si chiede quale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: è rilevante la somma riconosciuta a titolo risarcitorio alla controparte a seguito di lodo arbitrale?

Il testo del quesito: “E’ rilevante Iva la somma riconosciuta a titolo risarcitorio alla controparte a seguito di lodo arbitrale

Fatturazione elettronica: quali sono gli errori che possono essere considerati “formali” e “sostanziali”?

Il testo del quesito: “Posto che il Dlgs. n. 231/02 al comma 2 dell’art. 4 recita che ‘non hanno effetto sulla

Dismissione delle partecipazioni in Società miste vietate: obbligo di gare e diritto di prelazione dei soci privati?

Il testo del quesito: “I recenti interventi normativi tesi a facilitare la dismissione di partecipazioni in Società miste vietate impongono,