Riaccertamento straordinario: quale trattamento devono subire i residui da considerare di dubbia esigibilità?

Riaccertamento straordinario: quale trattamento devono subire i residui da considerare di dubbia esigibilità?

Il testo del quesito:

In un Comune risultano, come dal conto consuntivo, tra le entrate di parte corrente, residui attivi risalenti ad anni precedenti il 2010. Tali residui, secondo i vari Responsabili dei Servizi, sono stati mantenuti perché importi iscritti a ruolo, in sede ora di riaccertamento straordinario dei residui, tra i sopradetti residui a parere del sottoscritto, risultano esserci crediti inesigibili, perché prescritti o per irreperibilità dei soggetti o per irregolare o mancata notifica da parte dell’Esattore della cartella di pagamento entro i termini previsti. Tra i residui risultano importi risalenti agli anni 1998/2000/2001/2002/2003, ecc. Si chiede quale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Intese regionali e “Patti di solidarietà nazionale”: in G.U. il Dpcm. contenente modifiche alle modalità attuative

È stato pubblicato sulla G.U. n. 135 del 13 giugno 2018 il Dpcm. 23 aprile 2018, n. 67, contenente il

Manovre di fine anno 2021: previsione e integrazione di contributi/fondi in gestione ad Enti Locali

di Giuseppe Vanni Negli ultimi giorni del 2021 sono stati pubblicati sulle G.U. n. 309 del 30 dicembre 2021 e

Imposta di bollo: in quanto atti relativi al procedimento di riscossione di entrate extratributarie, le fatture dei Comuni sono esenti?

Il testo del quesito: “Tralasciando la normativa sul bollo e ammettendo che tale comportamento sia corretto ad oggi (quantomeno per