Rifiuti delle abitazioni: ai fini tarsu non sono equiparabili a quelli degli alberghi

Rifiuti delle abitazioni: ai fini tarsu non sono equiparabili a quelli degli alberghi

Nella Sentenza n. 14272 dell’8 luglio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che i rifiuti delle strutture ricettive non sono equiparabili a quelli delle abitazioni private.

In particolare, la Suprema Corte osserva che l’art. 68 del Dlgs. n. 546/1992 lascia ai Comuni un ampio spazio di discrezionalità nell’esercizio della potestà regolamentare in materia di Tarsu, limitandosi a prevedere che, ai fini della classificazione in categorie ed eventuali sottocategorie di locali ed aree con omogenea potenzialità di rifiuti tassabili con la medesima misura tariffaria, i Comuni tengono conto “in via di massima” di gruppi di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Fondo rotativo per la progettualità”: Cassa Depositi e Prestiti detta le nuove condizioni per l’accesso

La Cassa Depositi e Prestiti Spa ha pubblicato la Circolare n. 124/2019 che rende note le nuove condizioni generali per

Ici: è a carico del contribuente l’onere di provare circostanze utili ai fini della riduzione della tassazione

Nella Sentenza n. 15197 del 22 luglio 2016, la Corte di Cassazione afferma che l’Amministrazione comunale può, prima dello spirare

Tarsu: l’immobile di interesse storico non ha diritto all’esenzione automatica

La circostanza che l’immobile sia di interesse storico artistico non è condizione sufficiente per ridurre o addirittura eliminare il versamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.