Società controllate da P.A.: la Corte non ammette deroghe alla riduzione dei compensi degli Amministratori ex art. 4 del Dl. n. 95/12

Società controllate da P.A.: la Corte non ammette deroghe alla riduzione dei compensi degli Amministratori ex art. 4 del Dl. n. 95/12

Nella Delibera n. 119 del 10 luglio 2015 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere avente ad oggetto i compensi degli Amministratori delle Società controllate dalle Amministrazioni pubbliche e, in particolare, il disposto di cui all’art. 4, comma 4, del Dl. n. 95/12. Tale norma, nel testo introdotto dall’art. 16, comma 1 del Dl. n. 90/14, ha previsto che, a decorrere dal 1° gennaio 2015, il costo annuale sostenuto per i compensi degli Amministratori delle Società controllate dalle Amministrazioni pubbliche che abbiano conseguito nell’anno 2011 un fatturato da prestazione di servizi a favore di Amministrazioni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

La “separazione contabile” ex art. 6, comma 1, del Tusp, per le “Società a controllo pubblico” come primo adempimento nel bilancio di esercizio 2020

Indice 1. Art. 6 comma 1: la fonte normativa contenuta nel Tusp 2. Le diverse disposizioni in materia di “separazione

Tarsu: non è dovuta nel caso di un magazzino inutilizzabile

Nella Sentenza n. 5036 del 18 dicembre 2017 della Ctr Sicilia, una contribuente impugnava un avviso di accertamento afferente Tia