Tari: Delibera di approvazione delle tariffe adottata senza Piano economico-finanziario

Tari: Delibera di approvazione delle tariffe adottata senza Piano economico-finanziario

Nella Sentenza n. 8283 del 18 ottobre 2017 della Ctr Campania, i Giudici si esprimono sulla legittimità o meno della Delibera di approvazione delle tariffe Tari adottata in assenza del Piano economico-finanziario. I Giudici campani osservano come i Tributi locali siano soggetti alla disciplina prevista dall’art. 1, comma 161 e seguenti, della Legge 296/06, ai sensi del quale il termine decadenziale per l’accertamento è quinquennale e quello per la riscossione è triennale. Tuttavia, secondo i Giudici, l’approvazione del Piano finanziario costituisce requisito di legittimità dell’approvazione delle tariffe, dal momento che esse devono essere approvate dalla Giunta comunale in base ai costi sostenuti dal Comune per l’equilibrio contabile del “Servizio di raccolta e smaltimento rifiuti”, che non può essere computato esclusivamente in base ai costi storici. Dunque, la Delibera di approvazione delle tariffe Tari adottata in assenza del Piano economico-finanziario è illegittima. Perciò, nel caso di accertamento emesso in applicazione di tali tariffe, questo deve essere annullato.


Related Articles

Assemblea Anci 2016: Mattarella, “Salvare i piccoli Comuni è grande questione nazionale, senza di loro il Paese non sarebbe lo stesso”

Città metropolitane come grandi motori di sviluppo nel mondo globalizzato ma anche importanza fondamentale dei piccoli Comuni che costituiscono un

L’utilizzo dell’avanzo di amministrazione ai fini del rispetto dei vincoli di finanza pubblica: le aperture di fine anno e le prospettive future

La possibilità di utilizzo dell’avanzo di amministrazione ha segnato un passo in avanti grazie a 2 importanti pronunciamenti giurisprudenziali. Le

Ici: è dovuta per le aree c.d. “scoperte” che risultino indispensabili al Concessionario del bene demaniale per lo svolgimento della sua attività

Nell’Ordinanza n. 7771 del 9 aprile 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di