Tari: sì a tariffe differenziate tra Alberghi e Agriturismi

Tari: sì a tariffe differenziate tra Alberghi e Agriturismi

Nella Sentenza n. 1162 del 19 febbraio 2019 del Consiglio di Stato, i titolari di alcune Aziende agrituristiche impugnavano le Deliberazioni consiliari con cui il Consiglio comunale aveva approvato il Regolamento su “Imposta unica comunale (Iuc): Imposta municipale propria (Imu), Tassa sui rifiuti (Tari) e Tributo per i servizi indivisibili (Tasi)” e le tariffe Tari per l’anno 2014, nella parte in cui si equiparavano per gli Alberghi e gli Agriturismi. Le Aziende ricorrenti avevano lamentato l’illegittimità dell’equiparazione, a causa della differenza obiettiva dell’attività agrituristica, rientrante nell’attività agricola, rispetto a quella alberghiera che è attività commerciale.

I Giudici rilevano

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tarsu: applicabilità del principio “full cost recovery”

Nella Delibera n. 10 del 3 febbraio 2015 della Corte dei conti Abruzzo, un Sindaco ha chiesto se, con riferimento

Personale Aziende speciali e “gestioni parallele”: il punto della Corte emiliana sulle novità introdotte da “Decreto Irpef” e “Decreto P.A.”

Viste le ultime novità normative in materia di vincoli assunzionali e di contenimento delle spese del personale introdotte con il

Atto interruttivo della prescrizione: avvio del Piano di rateizzazione con l’Agente della riscossione

Nella Sentenza n. 9209 del 24 ottobre 2018 della Ctr Campania, i Giudici chiariscono che, in tema di riscossione delle

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.