Termine di prescrizione dei contributi: anche dopo la notifica della cartella esattoriale è quinquennale

Termine di prescrizione dei contributi: anche dopo la notifica della cartella esattoriale è quinquennale

Nell’Ordinanza n. 26348 del 19 ottobre 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda tutti gli atti, comunque denominati, di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva di crediti degli Enti previdenziali. La Suprema Corte chiarisce che anche dopo la notifica della cartella esattoriale il termine di prescrizione dei contributi resta quinquennale. Infatti, si legge nell’Ordinanza che “la scadenza del termine perentorio stabilito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva produce soltanto l’effetto sostanziale dell’irretrattabilità del credito, ma non determina anche l’effetto della cd. ‘conversione’ del termine

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Prima casa: l’immobile può essere di lusso se ha l’autorimessa

Nella Sentenza n. 708/05/14 della Ctp di Bergamo, i Giudici hanno considerato che il locale indicato come autorimessa avente superficie

Tosap: il presupposto impositivo della Tassa è l’effettiva sottrazione della superficie all’uso pubblico

Nell’Ordinanza n. 11446 del 1° giugno 2016 della Corte di Cassazione, oggetto dell’avviso di accertamento ai fini Tosap in questione

Notifica cartella: riproduzione fotografica  

Nella Sentenza n. 1673/01/14 della Ctr Catanzaro, un contribuente si è opposto alla comunicazione di avvenuta iscrizione d’ipoteca per la

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.