Trasferimenti erariali: erogato l’acconto dei contributi relativi alle fusioni di Comuni

Trasferimenti erariali: erogato l’acconto dei contributi relativi alle fusioni di Comuni

Con il Comunicato 10 luglio 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha reso nota l’avvenuta disposizione, in data 8 luglio 2017, dell’acconto del 97% del contributo spettante ai Comuni istituiti a seguito di procedure di fusione.

Le informazioni relative alla eventuale sospensione del pagamento delle risorse attribuite sono disponibili accedendo alla “Area Certificati”del sito istituzionale della Direzione centrale. Sotto la voce “Sospensione erogazioni per inadempienti” gli Enti interessati troveranno la descrizione dell’inadempienza che ha fatto scaturire la sospensione del pagamento.

Gli Enti interessati sono invitati a procedere alla regolarizzazione degli eventuali inadempimenti segnalati.Il saldo sarà corrisposto appena saranno perfezionate le richieste variazioni di cassa.

Ricordiamo che gli importi dei contributi in questione erano stati recentemente determinati dalla stessa Direzione centrale della Finanza locale con il Comunicato 15 giugno 2017.  Inoltre, successivamente, con il Decreto Interno 27 giugno 2017, sono state fissate le modalità e i termini da applicare a decorrere dal 2017 per l’attribuzione dei contributi alle fusioni di Comuni realizzate dal 2012 in poi.

 


Related Articles

“Decreto Semplificazione”: le novità per gli Enti Locali introdotte dalla Legge di conversione n. 12/2019

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 36 del 12 febbraio 2019 la Legge n. 12 dell’11 febbraio 2019, di conversione

Bando di gara che richiede la sigillatura della busta dell’offerta: mancato adempimento giustifica l’esclusione

  Nella Sentenza n. 2240 del 27 settembre 2017 del Tar Sicilia, la questione controversa in esame riguarda un concorrente

Atto di classamento: obbligo di motivazione

Nell’Ordinanza n. 32754 del 12 dicembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che l’atto di classamento