Catasto: nullo l’accertamento che non spieghi le ragioni della rettifica del classamento

Catasto: nullo l’accertamento che non spieghi le ragioni della rettifica del classamento

Nella Sentenza n. 2514 del 9 giugno 2015 della Ctr Lombardia, i Giudici affermano che, in caso di rettifica del classa mento, l’Ufficio non può limitarsi ad indicare la nuova classe attribuita agli immobili, ma deve fornire gli elementi che spieghino perché la proposta avanzata dal contribuente con la procedura Docfa viene disattesa. Nello specifico, l’atto impugnato deve obbligatoriamente riportare i dati fattuali che hanno indotto l’Amministrazione finanziaria alla rettifica della rendita. Pertanto, è nullo l’accertamento che non rechi gli elementi di fatto che hanno determinato la rettifica del classamento.

Sentenza n. 2514 del 9 giugno 2015 della Ctr Lombardia


Related Articles

Riscossione: obbligatoria l’iscrizione “provvisoria” all’Albo per i soggetti che svolgono attività di supporto alla stessa

È stata pubblicata sul sito web del Mef la Risoluzione 13 aprile 2021 n. 4/Df, rubricata “Art. 1, comma 807

Tarsu sui rifiuti alberghieri: può essere diversa da quella per le abitazioni private

Nell’Ordinanza n. 1978 del 26 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, una Società immobiliare impugnava la cartella di pagamento con

Adempimenti e versamenti tributari: disposta la sospensione per i Comuni parmensi e piacentini colpiti dall’alluvione

Con Comunicato pubblicato il 16 febbraio 2016 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle