Classamento e sua revisione

Classamento e sua revisione

Nell’Ordinanza n. 30735 del 27 novembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il procedimento di “revisione parziale del classamento” di cui all’art. 1, comma 335, della Legge n. 311/04, non essendo diversamente disciplinato se non in relazione al suo presupposto fattuale, e cioè l’esistenza di uno scostamento significativo del rapporto tra i valori medi della zona considerata e nell’insieme delle microzone comunali, resta soggetto alle medesime regole dettate ai fini della “revisione del classamento” dall’art. 9 del Dpr. n. 138/1998, sì da sottrarne l’attuazione alla piena discrezionalità della competente Amministrazione pubblica. Ne consegue che anche la procedura prevista dal comma 335 sopra citato, pur a fronte del relativo presupposto, non può sottrarsi all’applicazione dei parametri previsti, in via ordinaria, dall’art. 3, comma 154, lett. e) della Legge n. 662/1996, il quale impone che si tenga conto, nel medesimo contesto cronologico, dei caratteri specifici di ciascuna unità immobiliare, del fabbricato e della microzona ove l’unità è sita, siccome tutti incidenti comparativamente e complessivamente alla qualificazione della stessa. Ne consegue che non può ritenersi congruamente motivato il provvedimento di riclassamento che faccia esclusivamente riferimento al rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale nella microzona considerata rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, e al relativo scostamento ed ai provvedimenti amministrativi a fondamento del riclassamento, allorché da questi ultimi non siano evincibili gli elementi (come la qualità urbana del contesto nel quale l’immobile è inserito, la qualità ambientale della zona di mercato in cui l’unità è situata, le caratteristiche edilizie del fabbricato) che, in concreto, abbiano inciso sul diverso classamento. Tuttavia, la Suprema Corte pone in evidenza la Sentenza n. 249/2017 della Corte Costituzionale, che ha affermato che “la natura e le modalità dell’operazione enfatizzano l’obbligo di motivazione in merito agli elementi che hanno, in concreto, interessato una determinata microzona, così incidendo sul diverso classamento della singola unità immobiliare; obbligo che, proprio in considerazione del carattere “diffuso” dell’operazione, deve essere assolto in maniera rigorosa in modo tale da porre il contribuente in condizione di conoscere le concrete ragioni che giustificano il provvedimento”, ribadendo così la necessità di una provvedimento specifico e puntuale in capo all’Amministrazione.


Related Articles

Cartella di pagamento: obbligo di motivazione

Nell’Ordinanza n. 18224 dell’11 luglio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda una cartella di pagamento

Fabbricati rurali: l’attribuzione di una diversa categoria catastale deve essere impugnata dal contribuente che chieda l’esenzione dall’Ici

Nell’Ordinanza n. 20990 dell’8 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sull’applicazione dell’Ici ai fabbricati

Tia: immobile inutilizzato

Nella Sentenza n. 13120 del 25 maggio 2018 della Corte di Cassazione, una Società (Concessionaria del “Servizio e smaltimento dei

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.