Notifica: richiesta di notifica ai messi comunali da parte dell’Amministrazione finanziaria

Notifica: richiesta di notifica ai messi comunali da parte dell’Amministrazione finanziaria



Nell’Ordinanza n. 26762 del 25 novembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte afferma che, in materia di notifica degli avvisi di accertamento tributario, se l’Amministrazione finanziaria, avvalendosi della facoltà di cui all’art. 60 del Dpr. n. 600/1973, faccia richiesta al Comune di provvedere all’incombente a mezzo di Messi comunali si instaura, tra Amministrazione ed Ente Locale, un rapporto di preposizione gestoria che deve essere qualificato come mandato “ex lege”, la cui violazione costituisce, se del caso, fonte di responsabilità esclusiva a carico del Comune, non essendo ravvisabile l’instaurazione di un rapporto di servizio diretto tra l’Amministrazione finanziaria e i Messi comunali, che operano alle esclusive dipendenze dell’Ente territoriale. Ciò conferma che il Messo comunale, in quanto incardinato nell’Amministrazione locale di appartenenza, non costituisce un autonomo Organo istituzionale dotato di competenze autonome e distinte dal Comune, immedesimandosi dunque nell’Ente Locale




Related Articles

Tarsu: gli immobili adibiti a “residence” non possono rientrare nelle civili abitazioni

Con la Sentenza n. 16176 del 3 agosto 2016, la Corte di Cassazione si esprime sul caso di un Comune

Tarsu: tariffa maggiorata per esercizi alberghieri

Nella Sentenza n. 11218 dell’11 giugno 2020 della Corte di Cassazione, un Comune chiedeva ad una Società il pagamento della

Riscossione: vizi di notifica dell’avviso di accertamento

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 15192 del 16 luglio 2020 I Giudici di legittimità chiariscono che, in materia di atti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.