Rendita catastale: riclassamento

Rendita catastale: riclassamento

Nell’Ordinanza n. 5793 del 27 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di estimo catastale, qualora il nuovo classamento sia stato adottato ai sensi dell’art. 1, comma 335, della Legge n. 311/2004, nell’ambito di una revisione dei parametri catastali della microzona in cui l’immobile è situato, giustificata dal significativo scostamento del rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale in tale microzona rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, non può ritenersi congruamente motivato il provvedimento di riclassamento che faccia esclusivamente riferimento al suddetto rapporto e al relativo scostamento ed ai provvedimenti amministrativi a fondamento del riclassamento, allorché da questi ultimi non siano evincibili gli elementi (come la qualità urbana del contesto nel quale l’immobile è inserito, la qualità ambientale della zona di mercato in cui l’unità è situata, le caratteristiche edilizie del fabbricato) che, in concreto, hanno inciso sul diverso classamento. E ciò al duplice fine di consentire, da un lato, al contribuente di individuare agevolmente il presupposto dell’operata riclassificazione ed approntare le consequenziali difese, e, dall’altro, per delimitare, in riferimento a dette ragioni, l’oggetto dell’eventuale successivo contenzioso, essendo precluso all’Ufficio di addurre, in giudizio, cause diverse rispetto a quelle enunciate nell’atto. Né può ritenersi sufficiente a tal fine il riferimento a non meglio precisati “interventi pubblici effettuati per la riqualificazione della viabilità interna e dell’arredo urbano” nonché ad “interventi da parte dei privati per la ristrutturazione degli edifici”. E ciò anche considerando che l’attribuzione di una determinata classe è correlata sia alla qualità urbana del contesto in cui l’immobile è inserito (infrastrutture, servizi, eccetera), sia alla qualità ambientale (pregio o degrado dei caratteri paesaggistici e naturalistici) della zona di mercato immobiliare in cui l’unità stessa è situata, sia infine alle caratteristiche edilizie dell’unità stessa e del fabbricato che la comprende (l’esposizione, il grado di rifinitura, ecc.).


Related Articles

Entrate tributarie: primo trimestre in linea con il 2014 (-0,1%), in calo il gettito Iva a causa dell’avvio dello “split payment”

Con il Comunicato-stampa n. 101 del 5 maggio 2015, il Mef ha tracciato il quadro dell’andamento delle entrate tributarie del

Ricorso introduttivo del giudizio tributario: “no” alla notifica a mezzo posta effettuata da licenziatario privato

Nella Sentenza n. 563 dell’11 settembre 2018 della Ctr Molise, i Giudici statuiscono che, in tema di contenzioso tributario, la

“Processo tributario telematico”: estensione dell’applicazione alle Commissioni tributarie di altre 6 Regioni

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 161 del 12 luglio 2016 il Decreto Mef 30 giugno 2016, recante “Estensione a

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.